13 novembre 2009

UNA SINFONIA RARA, UN DIRETTORE PRESTIGIOSO



E’ stato un inizio davvero speciale quello della 18.ma edizione del Festival di Musica Sacra organizzato da Presenza e Cultura e Centro Iniziative Culturali Pordenone con il sostegno della Regione, lo speciale intervento del Comune di Pordenone, con l’importante partecipazione di Banca di Credito Cooperativo Pordenonese e del Centro Culturale Casa A. Zanussi di Pordenone.
Nel duomo di San Marco si è infatti esibita l’Orchestra e Coro San Marco, diretta per l’occasione da uno dei più prestigiosi direttori d’orchestra al mondo, l’israeliano Lior Shambadal, direttore principale dei Berliner Symphoniker, docente al conservatorio di Chengdu (la capitale della provincia cinese del Sichuan), direttore stabile e artistico della Orquestra Filarmonica di Bogotà e richiestissimo in tutto il mondo.
In programma un autore da lui particolarmente amato, Mendelssohn, e una sinfonia di rara esecuzione, “Lobgesang”, scelta per onorare il 200° anniversario della nascita del compositore tedesco: ispirata alla Bibbia e ricca di spiritualità, ma capace di un messaggio universale, cui l’appassionata direzione ha regalato una splendida sontuosità. L’esecuzione di questa “sinfonia cantata” è stata un po’ anche la punta di diamante di un articolato percorso di collaborazione tra il Centro di Iniziative Culturali e l’Orchestra e Coro San Marco, suggellata da una personalità musicale di altissimo livello come Shambadal.
Il concerto, di grande impatto emotivo e artistico, è stato impreziosita dalla cristallina qualità dei solisti (Mamiko Sakaida, Laura Antonaz e Marcello Nardis) e ha permesso all’Orchestra di mettere in evidenza spunti solistici di rilievo, sottolineando i passaggi più delicati ed emozionanti. Ottima anche la prestazione del Coro, chiamato ad affrontare una prova notevole, superata con entusiasmo e dedizione, con la guida del maestro preparatore Roberto Spremulli. Duomo gremito e applausi “fluviali”. Il prossimo appuntamento è per lunedì 28 novembre con il gruppo corso “A Filetta”.

Nessun commento: