2 marzo 2010

Acqua: le ragioni della gestione diretta e autonoma

Assemblea pubblica a Ravascletto, giovedì 4 marzo

Un’iniziativa del Comitato per la tutela delle acque del
bacino montano del Tagliamento


La Questione acqua resta di grande attualità in Carnia,
soprattutto dopo che il parlamento ha impresso
un’ulteriore accelerazione verso la privatizzazione nella
gestione del servizio idrico.
Il Comitato per la tutela delle acque del bacino montano del
Tagliamento, dopo aver invitato tutti i consigli comunali ad
affrontare il problema, proponendo loro uno schema di ordine
del giorno che sostiene le ragioni della «gestione diretta
ed autonoma del servizio di approvvigionamento idrico e del
servizio di fognatura interno ai centri abitati» da parte
dei Comuni montani, ha ripreso ad organizzare assemblee
pubbliche in tutti i paesi della Carnia.
Il prossimo appuntamento è in programma giovedì 4 marzo
a Ravascletto. Alle ore 20, presso il Bar Sport, si
confronteranno con la popolazione della Valcalda il
portavoce del Comitato, Franceschino Barazzutti, il sindaco
di Cercivento, Dario De Alti, e il consigliere regionale,
Enore Picco.
Durante l’assemblea, annota l’invito all’incontro,
«parleremo dell’acqua del rubinetto di casa tua che non
deve finire nelle mani di gestori privati, ma deve restare
in gestione autonoma al Comune».
«Evitare che l’acqua finisca in mani private si
può», sottolinea ovunque il Comitato per la tutela delle
acque del bacino montano del Tagliamento, il quale già da
tempo richiede che la Regione, modifichi la legge 13/2005
(Galli), affidando a consorzi di Comuni solo il servizio di
depurazione e di fognatura esterno ai centri abitati;
attribuendo le funzioni degli Ato all’assessorato
regionale ambiente e lavori pubblici o in subordine alla
Provincia o all’ente comprensoriale montano; e,
soprattutto, preservando la gestione comunale del servizio
idrico, ritenuta la più consona per economicità,
modalità di controllo e partecipazione, immediatezza degli
interventi e aspettative delle comunità di montagna.

Nessun commento: