27 luglio 2010

Giornata regionale della Proprietà collettiva



Pescatori maranesi intenti alla cernita dopo una notte di
pesca (foto tratta dal libro Sapore di mare. Sapore
d’Amare. Ricette tradizionali di Marano Lagunare elaborate
da Sirle Boscolo & Emilio Driussi del 2007)

Sabato 31 luglio a Marano lagunare


La Comunità de Maran presenta le linee guide del suo Piano
per la gestione e la tutela della laguna

La “Festa della Comunità di Marano”, in programma dal
30 luglio al 1° agosto, sarà la cornice della prima
“Giornata regionale della Proprietà collettiva”. La
organizzano insieme, sabato 31 luglio, il Coordinamento
regionale della Proprietà collettiva e la “Comunità de
Maran”, associazione che tutela gli interessi dei titolari
degli storici diritti civici.
Nella cittadina costiera, il Popolo delle Terre collettive,
presente in tutte le province regionali (Comunelle nel Carso
triestino e goriziano, Amministrazioni frazionali nel Friuli
udinese e pordenonese, Vicinie e Diritti di servitù in
Valcanale, Consorzi di antichi originari in Carnia),
presenterà le proprie attività e i propri prodotti nel
corso di tre appuntamenti.
Alle 9.30 presso la Vecchia Pescheria, sarà illustrato il
“Piano per la gestione e la tutela della laguna di
Marano”, elaborato dalla Proprietà collettiva maranese.
Dopo un'introduzione su “La realtà delle proprietà
collettive del Friuli-V. G.”, a cura del portavoce del
Coordinamento regionale Luca Nazzi, il presidente della
Comunità di Marano, Fabio Formentin, illustrerà le
“Linee guida” del piano attraverso il quale la
Comunità lagunare propone il proprio modello di sviluppo
locale e per la valorizzazione delle risorse territoriali, a
partire dal riconoscimento delle capacità della comunità
locale di governare il proprio territorio.
Il Piano sarà discusso da Massimo Demarchi del
Dipartimento di Geografia dell’Università di Padova, da
Ferruccio Nilia, animatore della Rete di economia solidale
del Friuli-V. G., e da Mauro Pascolini del Dipartimento di
Economia, società e territorio dell’Università del
Friuli. Coordinerà la discussione Nadia Carestiato del
Dipartimento di Economia, società e territorio
dell’Ateneo regionale.
Le conclusioni saranno tirate da Pietro Nervi, professore di
Economia dell’Università di Trento e presidente del
Centro studi e documentazione sui Demani civici e le
Proprietà collettive.
Dopo il pranzo, con le specialità maranesi preparate nei
chioschi della “Festa della Comunità di Marano”,
seguirà alle ore 16 la presentazione dei volumi “La
comunità di Marano e il suo Demanio civico”, curato da
Fabio Formentin per l’Atlante della Proprietà collettiva
del Centro studi e documentazione sui Demani civici e le
Proprietà collettive dell’Università di Trento, e
“Water in the Euro-Mediterranean Area/L’acqua nello
spazio euromediterraneo” (Forum 2010), curato da Nadia
Carestiato e Anrea Guaran.
La “Giornata regionale della Proprietà collettiva” si
concluderà alle ore 17 con la proiezione del documentario
sulle Terre civiche in Italia “Ubi feuda - ibi demanio”
del regista Mario Veronica. L’opera, proposta per la prima
volta dalla trasmissione televisiva “Geo&Geo” della Rai,
presenta anche la lotta della Comunità di Marano per il
riconoscimento dei propri diritti ed approfondisce le
caratteristiche del delicato e complesso sistema
territoriale lagunare, su cui oggi si concentrano numerosi
interessi, in particolare economici, legati ai settori della
pesca e del turismo.

COORDINAMENTO REGIONALE DELLA PROPRIETÀ COLLETTIVA IN
FRIULI-VG
60, Padriciano - 34012 TRIESTE
Luca Nazzi
0433 66063 - 330 596505

Nessun commento: