10 dicembre 2010

SPORT E MUSICA SACRA

Giornata di festa ricca di appuntamenti domani, sabato 11 dicembre per il Natalone a Pordenone.
Il pomeriggio sarà tutto dedicato ai bambini e allo sport, mentre la sera ci sarà musica sacra.
Ad accogliere in piazza XX Settembre i bambini e le famiglie dalle 14. 30 alle 18.30 ci sarà Julia Artico con il suo laboratorio creativo “Penso dunque creo”, che fornirà preziosi strumenti ai bambini con poca esperienza di manualità per poter realizzare piccoli oggetti o giochi partendo da un buon progetto
Alle 14.30 arriveranno in centro anche il Trenino Gondolino e l’artista di strada Barabba pronti a far divertire grandi e piccini.

Anche l’appuntamento in biblioteca civica, nella sala conferenze, Incontri con la lirica sarà dedicato ai più piccoli. Alle 15.00, Aspettando Santa Lucia, ci sarà "Bambini all'Opera" con la proiezione del Dvd "Hansel e Gretel" interpretati da Angelika Kirchschlager e Diana Damrau nella famosa opera fiabesca di Engelbert Humperdinck. Lo spettacolo registrato nel 2008 alla Royal Opera House di Londra vede tra i protagonisti due delle figure musicali più stimate della Gran Bretagna: il tenore americano Thomas Allen nel ruolo del padre e il leggendario direttore d’orchestra Colin Davis.
 I registi Patrice Caurier e Moshe Leiser combinano le loro sapienti qualità artistiche e un pizzico di deliziosa commedia ‘noir’ con lo charm tipico dell’opera fiabesca. La musica di Humperdinck mescola canzoni orecchiabili di tipo popolare con un colore strumentale sontuoso, ottenendo il risultato di un’opera melodiosamente accessibile, musicalmente memorabile e visivamente incantevole. L’ingresso è libero.
 
 Alle 15.30 in Via San Vito presso il Campo di atletica “M. Agosti”, verrà inaugurata la nuova costruzione che ospita l’innovativa pista indoor coperta, che funge anche da copertura delle tribune, una struttura unica in provincia. Interverranno il sindaco Sergio Bolzonello, diversi amministratori, rappresentanti della Federazione, di società sportive e campioni dello sport. Seguirà la festa dell’atletica provinciale.


Alle 20.30 nella Chiesa della Sacra Famiglia l’Ensemble InCantus eseguirà, con l’ accompagnamento al pianoforte dal maestro Emanuele Lachin. un concerto natalizio.
Si tratta di una formazione vocale da camera, un sestetto formatosi in seguito all'omonimo quartetto vocale femminile nato nel 2008. I musicisti che lo compongono provengono da diverse esperienze musicali avvenute sia in ambito solistico che corale, alcuni di essi infatti sono anche componenti del Coro da Camera Gabriel Fauré col quale svolgono spesso ruoli solistici (Requiem di W. A. Mozart e Requiem di G. Fauré). I membri del sestetto - i soprani Stefania Antoniazzi ed Elisabetta Cordenons, i contralti Tamara Sacilotto e Sara Zambon, il tenore Mario Bellomo e il basso Giancarlo Peron - hanno partecipato a master class tenuti da docenti di fama internazionale quali Sherman Lowe, Claudio Desderi e Luciana D'Intino.Le scelte del repertorio danno largo spazio alla musica sacra e profana, dal barocco alla musica da camera del periodo romantico, fino a quella contemporanea. Questo il programma della serata: “Jesu meine Freude” di Bach, “Gloria” e “Laudamus Te” di Vivaldi, “Sancta Mater”, di Pergolesi, “Ave Verum”, “Lacrimosa” e “Benedictus” di Mozart, “Cantique De Jean Racine” di Fauré, “Allelujia” di Haendel. Chiuderanno il concerto canti tradizionali natalizi. L’ingresso è libero.


Il Coro Città di Pordenone, diretto dal maestro Mario Scaramucci proporrà infine alle 20.30
Nel teatro di Borgomeduna il concerto “Veni, veni Emmanuel” ispirato al notissimo
tema liturgico, che il Kodaly ha elaborato in forma moderna, secondo lo schema tipico
del mottetto, ma fedele allo spirito originario che esprime l’attesa del Messia.
La prima parte del concerto presenta vari canti scelti dal repertorio sacro: una carola tradizionale
tedesca, alcuni brani della liturgia ortodossa, due brani in friulano.
La seconda parte invece ci riporta alla sensibilità popolare, con una scelta di voci di varie
tradizioni: dalle carole catalana e provenzale alla ninna nanna norvegese, a un conto ucraino ad uno
spiritual, per concludere con il più noto canto natalizio italiano, “Tu scendi dalle stelle”.
Il Coro Polifonico “Città di Pordenone”, formazione amatoriale, nasce nel 1974 con la finalità di curare un repertorio di polifonia corale dal ’500 al ’900. Il suo organico è attualmente di circa trentacinque elementi. Il coro si è dedicato allo studio della musica sacra, rinascimentale, barocca e romantica, ma ha riservato una particolare attenzione al repertorio sacro del Novecento con lo studio di brani di compositori di chiara risonanza internazionale e di autori recenti e recentissimi. E l’attenzione si è estesa a molti spirituals e gospel e a pagine della tradizione religiosa popolare di molti paesi. Grande è anche lo spazio fatto alla musica profana: nel repertorio del Coro figurano composizioni dei vari secoli, fino ad audaci brani di musica contemporanea, in cui si affrontano gli stili e le tecniche compositive che hanno fatto tendenza negli ultimi anni. Ma non mancano anche le elaborazioni corali di canti popolari o di canzoni recenti italiane, francesi, spagnole, inglesi. Dagli anni 90 fino agli anni più recenti ha anche eseguito, in collaborazione con altri gruppi corali e strumentali, grandi partiture (il Requiem di Mozart, i Carmina Burana di Carl Orff, la cantata Saint Nicholas di Benjamin Britten, l’Ode a Bertrando di Marco Maria Tosolini),.
Nel corso della sua lunga attività, il coro si è esibito in molte città italiane e all’estero. Ha inoltre partecipato a nove o edizioni del festival corale internazionale “Europa Cantat”, occasione d’incontro, di scambio, di studio comune con i più quotati maestri e complessi corali mondiali.

Nessun commento: