28 febbraio 2011

CONCERTO PER RICORDARE TIZIANO FORCOLIN

Uno spartito musicale vuoto. Un pentagramma rimasto orfano di chi ha saputo donare tante emozioni in musica, pronto però a riempirsi di note, ricordi, affetto, racconti. Ad un anno dalla scomparsa del maestro Tiziano Forcolin gli amici lo vogliono ricordare con un concerto che si terrà al Teatro Comunale Giuseppe Verdi lunedì 28 febbraio alle 20.45, realizzato grazie alla collaborazione del Comune di Pordenone e il coordinamento dell’Accademia Musicale Pordenone.
Tiziano Forcolin è stato una persona poliedrica, vulcanica e travolgente. Laureato in storia dell’arte, era insegnante di lettere, amava l’informatica, ma soprattutto la musica ambito nel quale è stato un’instancabile promotore culturale. La sua è stata una vita intensa, dedicata all’arte, alla cultura, alla musica, all’associazionismo, ai giovani, senza dimenticare la famiglia che coinvolgeva in tutte le sue iniziative. Tiziano era una di quelle che persone che lasciano il segno. Come “personaggio pubblico” era noto per la direzione del Coro e Orchestra San Marco, per l’ideazione dei Concerti al Chiostro, per il Concerto Grosso che ha chiuso in bellezza per diversi anni l’Estate in Città, per il concorso “Crescendo” dedicato ai giovani talenti. La professione di insegnante lo teneva in costante contatto con il mondo dei giovani, che sapeva conquistare per la sua passione e disponibilità. Come musicista e organizzatore era sempre circondato da artisti e musicisti, coi quali negli anni si sono strette amicizie sincere e legami speciali. Era generoso e instancabile, Tiziano, tanto che già provato dalla malattia continuava a creare, sognare e guardare al futuro contribuendo a fondare l’Accademia Musicale Pordenone: ha dato il massimo di sé fino all’ultimo, non lasciando quasi il tempo agli amici per salutarlo e per ringraziarlo. Ecco quindi che il 28 febbraio gli amici lo ricorderanno, a nome di tutte le persone che hanno condiviso un pezzettino di strada assieme a lui, con la musica, il linguaggio che più gli era congeniale e che più degli altri è capace di esprimere i moti dell’anima. Sarà un concerto “spontaneo” ed eterogeneo composto dai brani che ciascun musicista ha voluto dedicargli. La prima parte, aperta da Remo Anzovino, sarà composta da duetti, trii e sestetti, per concludersi con una serie di arie d’opera. La seconda parte aperta dal giovanissimo violoncellista Riccardo Pes vedrà protagonista un’orchestra d’archi estemporanea composta da suoi allievi e amici di tutte le età, diretta dal maestro Paolo Pessina, che eseguirà anche la “Sentimental Saraband” di Britten dalla partitura dello stesso Forcolin. Remo Anzovino, Gianni Fassetta, Francesco Comisso, Romeo Salamon, Giancarlo Di Vacri, Roberto Turrin, Lucio Degani, Federico Furlanetto, Riccardo Pes, Stefano Sciascia, David Giovanni Leonardi, Valentina Danelon, Federico Furlanetto, Giuseppe Barutti, Abramo Rosalen, Manuela Kriscak, Daniele Gaspari, Tina Terzariol, Maurizio Baldin…saranno più di una trentina gli amici che con Tiziano hanno condiviso progetti e concerti, serate e nottate, a ricordalo per un saluto in musica. L’ingresso è libero.

Nessun commento: