31 luglio 2011

MCDONALD'S PROMUOVE LA FRUTTA FRESCA

McDonald’s Italia, anche quest’anno, in occasione del rientro a scuola di settembre promuoverà il consumo di frutta fresca, soprattutto tra i più piccoli. L’iniziativa prevede che insieme al frutto, fresco senza conservanti e già tagliato, i bambini riceveranno un leaflet, realizzato da Giunti Progetti Educativi per McDonald’s, con una consulenza scientifica in ambito nutrizionale. Il leaflet contiene informazioni per le mamme sull’importanza del consumo quotidiano di frutta e verdura e farle giocare assieme ai propri figli con simpatici giochi da tavolo “a tema” che raccontano, in modo semplice e divertente, le proprietà e l’importanza del consumo di frutta e verdura all’interno di una dieta equilibrata.
L’impegno di McDonald’s Italia in questi 4 anni di iniziative rivolte a privilegiare il consumo di frutta fresca tra i bambini ha dato dei risultati. Infatti il consumo di frutta nell’Happy Meal è raddoppiato tra il 2009 e il 2010.
In generale poi, le tonnellate di frutta vendute da McDonald’s Italia sono passate da 4.000 nel 2009 a 5.000 nel 2010. Complici anche gli sforzi dell’azienda di assicurare sempre e comunque varietà di frutta e verdura all’interno dei suoi menu e di proporre anche un modo diverso di mangiarla: già pronta al consumo e in alcune casi con novità di prodotto che ne rendono “simpatico” il consumo proprio per i più piccoli come ad esempio il kiwi sullo stecco, presentato nel 2010. La novità dell’estate di quest’anno è invece un frutto amato da tutti, soprattutto dai bambini, il melone.
In linea con le raccomandazioni dei nutrizionisti e sensibile alle tematiche legate alla corretta nutrizione dei bambini, McDonald’s negli ultimi anni ha rivisto le combinazioni di abbinamento dei suoi Happy Meal, dando la possibilità alle mamme di scegliere alimenti freschi e di comporre un menu equilibrato per i propri bambini. Oggi oltre la metà delle combinazioni che compongono l’offerta Happy Meal è al di sotto di un 1/3 delle GDA giornaliere, come raccomandato da tutte le associazioni di nutrizionisti.
L’azienda è inoltre impegnata a livello globale e locale a promuovere uno stile di vita attivo e bilanciato. In Italia un’iniziativa rivolta ai bambini e che ha riscosso un notevole successo, con oltre 5.000 richieste di partecipazione da parte di altrettante famiglie, è l’Happy Meal Sport Camp. Un'iniziativa organizzata da McDonald’s che si svolge nel periodo estivo e che ha come obiettivo quello di avvicinare i bambini, dai 6 agli 11 anni, ai valori dello sport, da vivere come momento educativo e di socializzazione. 8 le città italiane coinvolte (Torino, Milano, Padova, Bologna, Firenze, Roma, Bari, Catania) che, per cinque giorni, hanno visto e vedranno ognuna 30 bambini impegnati in attività motorie, sportive, momenti ricreativi e ludici con la presenza di esperte nutrizioniste, istruttori professionisti ed il campione olimpico Antonio Rossi.

TRAFFICO: NASCE VIARADIO DIGITAL

Autostrade per l’Italia e RTL 102.5 - prima radio privata italiana con circa 6 milioni di ascoltatori al giorno ed una copertura di circa il 98% del territorio - hanno definito un accordo, per lanciare una nuova radio in grado di fornire un servizio completo e continuo di informazione sul traffico autostradale ai loro clienti.
Il nuovo servizio, dal nome “VIARADIO Digital”, tecnicamente una web radio, si affianca, nell’ambito di una più ampia ed articolata collaborazione, al servizio di informazioni di traffico già presente nel palinsesto FM di RTL 102.5.
La nuova radio garantirà un aggiornamento continuo delle notizie grazie a circa 100 appuntamenti al giorno di informazioni di traffico, sempre in diretta, anche di notte dal Centro Multimedial e di Autostrade per l’Italia.
In caso di criticità sulla rete autostradale sono previsti inoltre collegamenti supplementari con le sedi regionali di Autostrade per l’Italia distribuite sul territorio e con il personale impegnato direttamente su strada nella gestione di incidenti, eventi meteo o nei grandi esodi.
Il palinsesto prevede appuntamenti ogni ora con le news di RTL 102.5, responsabile anche degli spazi destinati alla migliore musica. Si parte sin da subito con la possibilità di ascoltare la nuova radio sui siti internet www.autostrade.it e www.RTL.it e nei principali Punto Blu della rete autostradale. E’ in corso di realizzazione un piano di investimenti per permettere di ascoltare la radio anche all’interno di tutte le Aree di Servizio.
A brevissimo i clienti potranno ascoltare la radio anche attraverso Cellulari e Smartphone scaricando delle applicazioni gratuite realizzate per Iphone, Blackbarry e per dispositivi Android.

LA PAURA DIVENTA RISATA

Anche nel mese di agosto l’Estate in Città a Pordenone va avanti a pieno regime. Tanti gli appuntamenti di lunedì primo agosto. Alle 17 la Galleria d’arte moderna e contemporanea – Parco ospita il laboratorio sperimentale per ragazzi (dai 6 ai 13 anni) a cura di Eupolis “Non si può toccare”, per scoprire e riconoscere i materiali di cui sono fatte le sculture e poi mettersi alla prova come scultori.
Alle 18.30, con ritrovo sotto la Loggia del Municipio, parte una nuova visita guidata dedicata alla storia della tra ‘800 e ‘900: dal Risorgimento, alla Grande Guerra, al Ventennio. A Pordenone, infatti, come in altre città, l’epoca contemporanea ha completamente trasformato gli antichi equilibri urbani. Nella seconda metà dell'800 fu definito l'attuale assetto urbanistico con il tracciato delle principali arterie che si dispongono attorno al centro storico. Furono accolti i nuovi canoni stilistici del neoclassicismo, testimoniato da una delle migliori opere dell’architetto Giovanni Battista Bassi: il Teatro Concordia. I fermenti dinamici e le tormentate vicende di quasi un secolo, dal Risorgimento, alla Grande guerra, al Ventennio, prendono forma nei monumenti ufficiali del tempo: la Casa del Mutilato e il Monumento ai Caduti, e nei caffè storici alcuni rimasti intatti, altri trasformati, ma ancora in grado di raccontare tante storie.
Alle 20.30 nel Parco del Castello di Torre prende avvio la serata naturalistica per tutti a cura di Eupolis “Il suono della natura”, un suggestivo percorso per ascoltare i rumori notturni, affinare la percezione dell’ambiente e osservare la fauna.
Alle 20.45 nel Parco di San Valentino la Compagnia Teatro Pirata porta in scena per la rassegna il Teatro c’era una volta (realizzata da Ortoteatro con il sostegno di Regione, Provincia e Comune di Pordenone nell’ambito dell’Estate in Città) lo spettacolo per ragazzi “Bu bu settete! Ovvero fammi ridere che io non ho paura”. Uno spettacolo che affronta la paura trasformandola in una risata, attraverso il percorso che faranno due strani individui: il professor Aristide Menelao Fanfulla da Lodi, studioso di paura, e il suo aiutante Miro Vladimiro, timoroso quanto basta a scatenare processi di identificazione nei bambini. I due professori hanno la pretesa di liberare chiunque da qualsiasi paura, e lo faranno tramite la narrazione di storie originali e racconti che si perdono nell’alba dei tempi sino all’epilogo finale, dove il buon Vladimiro supererà definitivamente le sue e vostre paure. Il Teatro Pirata, con la solita ironia, i pupazzi e le scenografie di Marina Montelli, una colonna sonora originale, mette in scena magiche suggestioni e momenti indimenticabili in cui le paure più profonde e inconfessabile si scioglieranno grazie a un divertente gioco teatrale.
Lo spettacolo è a ingresso gratuito e si terrà in caso di pioggia all’Auditorium Concordia.
Alle 21 nel Chiostro della Biblioteca Civica prende avvio il ciclo teatrale del Teatro della Sabbia dedicato al romanzo Palomar di Italo Calvino, autore sul quale la compagnia pordenonese da anni concentra le proprie sperimentazioni sceniche e drammaturgiche. Protagonista del progetto, che si articola in tre spettacoli tutti al lunedì, è lo “sguardo” come specchio del mondo, con l’occhio di Palomar rivolto al paesaggio fuori e dentro di lui, alla ricerca di un’armonia forse impossibile. Il primo appuntamento si focalizza su “Le vacanze di Palomar - Palomar sulla spiaggia, Palomar in giardino, Palomar guarda il cielo”. Gli interpreti Caterina Comingio e Vincenzo Muriano saranno affiancati per la parte musicale dalla cantante Enrica Bacchia. Ingresso libero. In caso di maltempo si in Saletta Conferenze.
Per il cinema sotto le Stelle in piazzetta Calderari alle 21 (aula magna in caso di maltempo), c’è “Habemus papam” di Nanni Moretti.

30 luglio 2011

OMAGGIO A LISZT

L’Estate in città a Pordenone per domenica 31 luglio propone due appuntamenti per giocare con la scienza e per godere di ottima musica tra le fresche mura del Convento. Alle 10. 30 l’Immaginario Scientifico di Torre propone un simpatico laboratorio per ragazzi dai 5 agli 11 anni, dedicato all’ecologia “Ecolab. L’attività è a pagamento, si consiglia la prenotazione: tel. 040 224424.
Sempre di grande qualità sono i concerti aperitivo della domenica mattina all’Estate in Città, realizzati collaborazione con il Conservatorio di Udine, che ha appositamente selezionato i propri studenti migliori. Il recital pianistico è un omaggio a Liszt, sommo rappresentate del pianoforte romantico, di cui ricorre l’anniversario della nascita accompagnato da pagine del primo Novecento francese di Debussy e Ravel, anch'essi pianisti e compositori molto amati dagli studenti. Le notevoli innovazioni (con aperture ai repertori un tempo impensabili) introdotte nei programmi di studio dei nuovi Trienni Superiori di 1° livello, non hanno tuttavia intaccato la fortuna di cicli pianistici quali i ventiquattro (in due libri) Préludes (1909-1912) di Claude Debussy, che verrà interpretato da Alessandra Camilla Carlutti così come gli studi da concerto di Franz Liszt, capisaldi del virtuosismo ottocentesco, i primi tre dei quali riuniti nel titolo generale di Trois Études de concert del 1848 circa, il terzo dei quali è Un sospiro. Di particolare interesse e di più rara esecuzione è la seconda delle due Ballate di Franz Liszt (1853) (suonata da Sra Abriola), quanto i Valses nobles e sentimentales, composti nel 1911 (citando e unendo i titoli dei cicli di Valzer di Franz Schubert), da Maurice Ravel, il quale l'anno seguente ne fece una versione orchestrale per il balletto, con il titolo di Adélaïde, ou Le langage des fleurs (affidati a Margherita Gennaro). La Petite Suite di Debussy appartiene alla fase compositiva giovanile (1886-1889) e da sempre è uno dei brani più amati del ristretto ma prezioso repertorio per pianoforte a quattro mani, qui Sara Abriola e Juan Pablo Diaz. Ingresso libero.

29 luglio 2011

POTPOURRI DI DANZE DA TUTTO IL MONDO

L’intrattenimento musicale la centro sociale per anziani Pia Baschiera Tallon sarà a cura del Gruppo Jazz Amore, a partire dalla 17 di sabato, per l’Estate in Città a Pordenone. Alle 18 nel Parco di San Valentino ad allietare il pomeriggio per Parco Sonoro sarà la tribute band “Per colpa di Zucchero” nata nel 2005 dall'incontro del cantante Marco "sugar" Zanet, del bassista Ivan Buset e del batterista Jacopo Zanette. Poi si sono aggregati gli altri: Alberto Gurizzan e Marco Vendrame alle chitarre,Caterina De Biaggio alle tastiere e Luigi Galasso alla tromba. Il gruppo da alcuni anni gira locali, feste, sagre di paese e festival. E’ inoltre presente nel sito ufficiale delle coverband di Zucchero. Il programma prevede naturalmente gran parte del repertorio di Zucchero dai primi anni ’80 fino ad oggi.
Alle 21 nel Parco di San Valentino (o all’auditorium concordia in caso di maltempo) il Flavia Club porta in scena “Potpourri, mix di danze e non solo”, con coreografie tratti dai vari musicals in repertorio: Omaggio all’Argentina, From Italy to the world, Evita, C. Gardel, Dancing@forever.
In programma figurano danze standard (quickstep, foxtrot,valzer inglese, viennese) latino americane (cumbia, merengue, rumba, chacha, samba, waka waka) e danze argentine (Chamamè ballo di Entrerios, Pericon ballo nazionale della bandiera, Chacarera, Zamba, Gato, tango argentino antico e nuevo, vals cruzado, milonga traspie) con l’utilizzo di bomboy boleadoras, strumenti suonati dagli Indios e dai gauchos. Completano la serata coreografie di liscio e sala.
Tra i ballerini (lo staff è di 30 persone circa) si segnalano Lucas Copat e Denise De Paciani, campioni italiani danze argentine 2010/2011, Alberto Bottos e Sabrina Tonon campioni regionali finalisti al campionato italiano danze argentine, Graziano Tonon ed Elena Carpenè, campioni regionali finalisti al campionato italiano danze argentine 2011, Ezio Bagnariol Lidia De Mattio campioni italiani di tango argentino, Renato Petrucco ed Evelina Favaretto, vicecampioni italiani danze argentine, oltre alla partecipazione dei maestri Antonino Di Giovanni e Flavia Jugo, 15 volte campioni italiani, ospiti di RAI 1 e RAI 2. Presenta Odette Jugo. Ingresso libero

SMART DI TUTTO IL MONDO, UNITEVI... A RICCIONE

Dopo dieci edizioni in Austria, il più grande raduno mondiale Smart arriva per la prima volta in Italia, a Riccione, dove la community Smart si è data appuntamento dal 4 al 7 agosto 2011. Ad attendere i fan, provenienti da 22 Paesi, un fitto calendario di eventi, che concentreranno a Riccione il cuore della passione Smart. A scandire il ritmo dell’intenso week-end, il sound e l’energia di Radio Deejay, voce ufficiale dell’opening party di venerdì 5 agosto. In vista della grande parade del 6 agosto, tutti i partecipanti al raduno potranno rimettere in forma la loro Smart grazie a ‘Smart make-up’: una vera e propria beauty farm completamente gratuita per ‘tirare a lucido’ gli esterni e l’abitacolo delle protagoniste dell’evento. Nel corso di Smart times 11 sarà lanciato il concorso ‘design your Smart’, che offre l’opportunità di creare una nuova livrea alla propria Smart.

ROCK "FRESCO" A L'ESTATE IN CITTA'

Alle 19.30 scatta l’ora dell’aperitivo in musica all’Inchiostro, nel Chiostro della Biblioteca Civica, con dj set a cura del collettivo Brit Box (che produce eventi musicali di stampo indie-rock diventando un punto di riferimento per gli appassionati della musica rock e underground di tendenza) e ricco happy hour (secondo tradizione anglosassone con due bevande al prezzo di una). Così si apre la serata all'Estate in città di Pordenone.
Ad esibirsi live saranno “The Hacienda”, band fiorentina che da più un anno sta facendo impazzire l'Inghilterra col loro r'n'r fresco, incredibilmente maturo nonostante la loro giovane età.Il loro talento è stato riconosciuto dallo stesso Liam Gallagher (ex frontman degli Oasis) considerato in tutto il mondo come una delle icone indiscusse della musica brit pop, che li ha voluti con sé lo scorso 16 marzo sul palco dell’Alcatraz di Milano per la sua prima data italiana rigorosamente sold out con la formazione dei Beady Eye, sua nuova band.
Durante la serata The Hacienda presentareranno il loro debutto discografico “Picking Pennies off the floor”, registrato ai Folsom Prison. Dinamico e potente “Picking Pennies off the floor”, disponibile su etichetta Black Candy con distribuzione Audioglobe, si rivela un disco incredibilmente maturo e consapevole. L’album contiene 12 brani che abbracciano alcune sonorità differenti rispetto a quelle del precedente Ep, tracciando così un nuovo percorso e aprendo scenari interessanti per il futuro. La ricerca dell’armonia come culmine della forma canzone si sviluppa attraverso linee melodiche che si stratificano con cori ed incisivi arrangiamenti di chitarre, organi e fiati. Con “Picking Pennies off the floor” (“Raccogliendo spiccioli da terra”), la band è riuscita ad amalgamare il differente bagaglio musicale di ciascun membro della band, composta da Alessandro Gianferrara (voce & chitarra), Francesco Perini (tastiere), Valerio Fanciano (chitarra) Andrea Palombi (voce & basso), Leonardo Innocenti (batteria). Ingresso libero.
L’ultimo appuntamento della giornata è con il Cinema sotto le stelle in piazzetta Calderari (in aula magna in caso di maltempo) dove, alle 21,30 verrà proiettato “Che bella giornata”, protagonista un acclamato Checco Zalone.

28 luglio 2011

WEEK-END IN CAMPER A 99 EURO

Grazie alla fattiva collaborazione tra APC – ANFIA, Fiere di Parma e Assocamp, Associazione Nazionale Operatori Veicoli Ricreazionali e Articoli per il Campeggio, al Salone del Camper 2011 saranno a disposizione del pubblico 1.000 voucher per un week end in camper a 99 euro ognuno.
Un’operazione interessante e unica voluta dagli organizzatori della kermesse parmense e Assocamp che coinvolgerà tutti i visitatori che non possiedono ancora un veicolo ricreazionale, ma che sono comunque affascinati e incuriositi dalle potenzialità che può offrire e che consente di scoprire il piacere e la facilità di ritagliarsi una vacanza su misura “en plein air”.
“In base ad un’analisi compiuta in occasione della prima edizione del Salone del Camper è emerso che il 35% dei visitatori non possiede un veicolo ricreazionale.” – hanno spiegato Fiere di Parma e APC, organizzatori del Salone del Camper – “Si è quindi deciso di offrire ad un’ampia fascia dei neofiti e potenziali camperisti una proposta assolutamente accattivante ed irrinunciabile che consente di “testare” la vacanza che solo un camper o un caravan possono offrire”.
Il pubblico della seconda edizione del Salone del Camper potrà quindi acquistare presso lo spazio Camper Facile (Pad 4, Stand C 016) il buono spendibile presso i Concessionari Assocamp dal 1° ottobre 2011 al 30 marzo 2012 (con esclusione dal periodo di promozione i weekend 29/30 ottobre 2011; 10 /11 dicembre; 31 dicembre 2011/1 gennaio 2012; 7 e 8 gennaio 2012). I centri noleggio associati ad Assocamp si potranno individuare tramite il sito www.assocamp.com o telefonando presso la Segreteria Assocamp al numero 0521.298.819.

AMORS FURLANS: TEATRO E FOTO A MORUZZO

Due momenti per uno stesso tema, l'amore. Attraverso l'espressione teatrale e l'immagine fotografica a Moruzzo si proporranno infatti i riti e le tradizioni connesse al corteggiamento e al matrimonio nell'area friulana, in Carnia e in Istria, documentati da diversi autori: da Lea D'Orlandi alla Ciceri, da Perusini a Gri, a Gortani, nonché nelle poesie di Pardini e di Zannier.
Il primo appuntamento per Amors furlans (questo il titolo dell'iniziativa, nata da un'idea di Roberta Masetti) è per sabato 30, alle 20,45 in Piazza del Tiglio. Sarà protagonista dello spettacolo l'attore di origine friulana Claudio Moretti (è nato infatti a Gradisca di Sedegliano). L'iniziativa si avvale della collaborazione del gruppo locale Zovins come il tèi e l'A.s.d. L'Antica scherma de' Malipiero. Si tratta, nel primo caso, di un'associazione nata nel 2004 e che ha al suo attivo, oltre a diverse iniziative culturali e di testimonianza, soprattutto la recitazione vista anche come impegno sociale pratico, recandosi per esempio in diverse case per anziani dove proporre momenti di allegria e di partecipazione. La Compagnia de' Malipiero è una scuola d'arme di scherma antica, che si prefigge di riportare ai giorni nostri l'arte marziale occidentale. Nasce nel 1995 rispettando i principi e le tecniche degli antichi trattati di scherma.
Scherma).
Domenica alle 12, nella sala consiliare del Comune, ecco il secondo momento di Amors furlans. Sarà infatti inaugurata la mostra fotografica di Fioretta Lizzi.

LE MISS DELL'ESTATE IN CITTA'

Protagonista del Festival Show in piazza XX Settembre nell’ambito dell’ Estate in Città del Comune di Pordenone è stata la musica italiana con prestigiosi ospiti come Sonohra, Virginio, Tricarico, Rettore e Cugini di Campagnia, ma l’atmosfera di festa è stata portata anche dalle ragazze in gara per contendersi il titolo di Miss Kaos, sedici del ragazze che hanno sfilato sulla passerella allestita in piazza per conquistare il diritto di partecipare alla finalissima di Festival Show a settembre a Verona. Delle sei ragazze premiate solo la prima ha staccato il pass per la finalissima: Debora Bon, 19 anni, neodiplomata di Mestre. L’ “argento” è andato ad Angela Brescia , 18 anni, hostess di Gorizia, il “bronzo” a Grazia Garlatti Costa, 20 anni, universitaria di Campoformido. La fascia speciale, assegnata dai parrucchieri “Miss Screen Festival Show Pordenone 2011 è andata a Kristina Pozhoga, 19 anni, di Maniago. La prossima selezione sarà venerdì 5 agosto sul Palco del Festivalshow in Piazza Cannoni a Sottomarina (Ve). Per informazioni e iscrizioni al concorso si può contattare l’organizzatore Mauro Casarin al 347 – 4809898 oppure iscriversi alla pagina Fan di Facebook “Miss Kaos 2011 sul Palco del Festivalshow”. La finalista diventerà la testimonial della campagna pubblicitaria 2012 della griffe bolognese.

27 luglio 2011

PASSERELLA PER GIOVANI TALENTI

E’ un giovedì sotto le stelle lungo e ricco il 28 luglio dell’Estate in Città a Pordenone con i negozi aperti, musei e biblioteca in apertura straordinaria, visite guidate, e tanta musica. Alle 20 (con orario e luogo modificati rispetto al programma) si conclude in bellezza il progetto Naonian City Music, nato in collaborazione con il Settore Politiche Sociali del Comune per valorizzare i giovani gruppi locali dando loro modo di cominciare a prendere dimestichezza con l’organizzazione di concerti in ambito urbano. Nei locali dell’ex Tipografia Savio (in via Torricella, laterale di via Cavallotti) si daranno il cambio formazioni di musica classica e musica moderna.
Ad aprire la serata sarà la formazione “Classic Frames” nata dall’amicizia e dalla voglia di suonare insieme di giovani studenti di musica classica tra cui Enrico Coden (vero e proprio direttore artistico in erba, nonché giovane e promettente flautista), che si presenterà in duo assieme a Marco Polese (pianoforte) con brani di “musica romantica per flauto e pianoforte (Carnevale di Venezia di Genin) fino ai primissimi del Novecento (Faurè), con un passaggio nel Donizetti pre-romantico”.
Simpatici e spiritosi a partire dal nome sono i “Furry Tales”, gruppo nato nel 2008 in un “decadente liceo di Pordenone, durante una mattinata di lezioni soporifere” da tre compagni di classe Marco Parisi (basso), Kaiyu Hu (chitarra e seconda voce) e Marco Da Pieve (batteria). Spinti da influssi alternative-rock (Muse, REM, Radiohead, Placebo), i tre amici hanno suonato in bar e osterie, per completare poi la formazione con l’arrivo di Tommaso Fabi (voce e chitarra ritmica).
Gli “Avalanche” sono invece nati da una costola dei Nightsound per iniziativa di Daniele Crovato, Stefano De Cicco e Luca De Giusti con la voglia di esplorare nuove direzioni musicali, senza limitazioni di genere, ricercando un suono deciso e coerente. Per questo hanno puntato tutto su brani inediti ricavandosi un proprio spazio musicale, sia a livello regionale che a livello nazionale, partecipando a diversi festival musicali e concorsi. Primo premio al concorso "Onde Sonore 2009”. La band ha partecipato anche a “Orvieto Pop Rock Festival 2009”, “Music in Village 2009”, Summerend Festival 2009” e all’“L’isola della musica 2009”, aprendo il concerto di Giuliano Palma. Durante la serata verrà anche recuperato il concerto del cantautore Klode saltato per maltempo la scorsa settimana. Ingresso libero.
Il cortile di Palazzo Gregoris ospita alle 20.45 la rassegna “Musica e parole a Palazzo Gregoris” a cura della Società Operaia con “Roma sparita”, spettacolo di Enzo Samaritani con Sam il Menestrello, Maria Grazia di Donato e il maestro Fabrizio Zambon. Si tratta di un recital dedicato alla capitale dove romanticismo, umorismo e un po’ di nostalgia fanno sognare ad occhi aperti la città eterna: una passeggiata fra fontane e vicoletti, forse perduti, di una Roma giocata nelle serenate, negli stornelli, nella poesia. Enzo Samaritani, alias Sam, con la sua chitarra, da vero intrattenitore a tutto tondo, interagisce con il pubblico fino a farlo diventare protagonista dello spettacolo. La serata è impreziosita dalla femminilità e la simpatia di Maria Grazia Di Donato, attrice-cantante e dalla musicalità del maestro Fabrizio Zambon. L’ingresso è libero, in caso di maltempo la serata si svolgerà nella sede del sodalizio all’interno del palazzo.
Tutto è pronto per la finale del “Tuo canto libero” città di Pordenone, il concorso canoro promosso dall’Associazione Cem Cultura e Musica che opera attivamente sul territorio nell’ambito musicale, realizzando, oltre ai corsi di musica, diverse manifestazioni affinché i giovani talentuosi della nostra regione possano esprimere e dimostrare le loro capacità nell’ambito artistico, dando ad essi la giusta ribalta per una visibilità ad un pubblico sempre maggiore. Il palco loro riservato, nell’ambito dell’Estate in Città del Comune di Pordenone, sarà dunque quello di piazza XX Settembre (Deposito Giordani in caso di maltempo), dove a partire dalle 21 si esibiranno i 12 finalisti (scelti tra 41 semifinalisti): Silvia Agnoletto (Sacile) Il cielo ha una porta sola, Katia Coppo (Mortegliano) Garota de ipanema, Francesca Mari (Cividale) “Fame”, Adriana Palese (Gemona) That Man, Giulia Bortolin (Fontanafredda) Vivo Sospesa, Manuela Longo (Fiume Veneto) Canto anche se sono stonata, Thomas Camillot (Cordenons) Viva, Giulia Casali (Pordenone) The waves, Federico Aloisio (Pordenone) Unchain my heart, Dalia Li Volsi (Pordenone) I'd rather go blind, Cao Jessica (Sacile) What’s up, Di Pol Vania (Maniago) I Will always love you. Ad accompagnarli dal vivo ci sarà la band composta da Rudy Fantin (pianoforte, tastiera), Marco Andreoni (basso), Alberto Magaraci (chitarra), Vlady Boscolo (batteria), Michela Grena e Flavia Quass (vocalist). Presentatrice sarà Lorena Favot, ospite d’onore Nicole Perini, vincitrice dell’edizione 2010. Un giuria di professionisti nel settore musicale valuterà i candidati decretando i vincitori cui andrà un riconoscimento offerto dal Maestro Nuccio orafo e designer. Durante gli ultimi anni la qualità e la bravura dei concorrenti sono cresciuti esponenzialmente tanto che diversi vincitori delle ultime edizioni (Serena Rizzetto, Gloria Piccinin e Federica Tellan) si sono distinti partecipando a concorsi e trasmissioni nazionali.
Prosegue con un imperdibile appuntamento con il grande jazz suonato dal vivo “Visioni sonore”, la kermesse estiva organizzata da Cinemazero nell’ambito dell’Estate in città del Comune di Pordenone che si propone di indagare il fecondo connubio tra cinema e musica: giovedì 28 luglio alle 21.30 al Chiostro di San Francesco, con ingresso libero, è in programma la proiezione de “Il suono instabile della libertà”, documentario musicale di Marco Bergamaschi e Giampaolo Gelati che racconta le vicende dell’ Italian Instabile Orchestra, il maggiore collettivo di musicisti jazz che il nostro paese abbia mai espresso. Al termine della proiezione è in programma la performance live di “The Wild Bunch”: un significativo nucleo di musicisti membri dell'Italian Instabile Orchestra, che daranno vita a un concerto pensato per l'occasione. Giovanni Maier, Sebi Tramontana, Luca Calabrese, Emanuele Parrini, Daniele Cavallanti, Lauro Rossi, Tiziano Tononi sono tra i protagonisti del jazz italiano di ricerca, che si ritrovano in diverse occasioni e con diverse formazioni. Per “Visioni Sonore” hanno ideato un concerto all'insegna della creatività del miglior jazz. Ingresso libero.

26 luglio 2011

MUSICA DALLA RUSSIAMERICA

L’Estate in Città del Comune di Pordenone di mercoledì 27 luglio comincia con le letture al parco a cura di Molino Rosenkranz. Protagonista delle lettura all’ombra degli alberi del Parco di San Valentino (o nell’ex cartiera in caso di maltempo) sarà “Toc e Acqua”, una fiaba molto particolare. Si tratta infatti del racconto del Vajont raccontato come una favola con principi, principesse e streghe dai ragazzi dell'Istituto Comprensivo di Longarone, offrendone una chiave di lettura inedita e originale. Dall'amore del principe Toc e della principessa Acqua, dal loro estremo e mortale abbraccio nasce la speranza per un nuovo futuro.
Alle 18.30 in piazzetta Cavour parte la visita guidata a piazzetta de sora e al suo palazzo, Palazzo Badini, recentemente acquisito dal Comune sotto la Loggia del Municipio c’è l’appuntamento per la visita guidata a cura di Itineraria. Piazzetta de sora è infatti l’antica e popolare denominazione di piazza Cavour. Luogo di incontro per eccellenza, fu protagonista di molti avvenimenti memorabili della città, come l’arrivo del condottiero Bartolomeo d’Alviano nel 1508, i festeggiamenti per l’avvento dell’illuminazione pubblica nel 1888 e l’entrata dei bersaglieri ciclisti il primo novembre 1918. Su questa piazza si affaccia anche uno dei più bei palazzi di Pordenone: palazzo Badini che, dopo essere stato per alcuni decenni un istituto finanziario, oggi è sede del Consorzio Universitario Pordenonese. Alla ricca impaginazione esterna, in barocco veneto, fa da contraltare la variegata decorazione interna caratterizzata dall’alternarsi di stucchi e affreschi che culmina nel soffitto istoriato del grande salone d’onore.
Alle 21 nel Convento di San Francesco note contemporanee e melodie travolgenti si mescoleranno per la serata, promossa dall'Orchestra e Coro San Marco nell'ambito dell'Estate in Città pordenonese per i Concerti al Chiostro. “RussiAmerica” presenta infatti musiche di Igor Stravinsky e di Leonard Bernstein ad animare un accattivante appuntamento en-plein-air, realizzato anche con il sostegno di Regione e Fondazione CRUP, affidato ad un organico di grande originalità, con i due pianoforti di Maria Tea Lusso e Michele Bolla, insieme alle percussioni di Dimitri Fiorin. “Petroucka” è il primo dei brani in programma, ovvero una delle partiture che maggiormente contribuì al rinnovamento della musica e della danza classica agli inizi del Novecento, grazie al genio di Stravinsky e alle coreografie dei Ballets Russes di Diaghilev e Fokine, vera rivoluzione di forme, colori e ritmi che travolse l'intera Europa. Nella seconda parte di questo ideale dittico musicale, la sensibilità tutta americana di Leonard Bernstein nelle note di uno dei suoi più amati capolavori: “West Side Story”, sorta di trasposizione moderna della tragica storia di Romeo e Giulietta, qui divisi dalle rivalità tra le gang di nuovi e vecchi immigrati nella New York degli anni Cinquanta. Ritmi latini, melodie intramontabili e una sapiente armonia di ispirazioni classiche, jazz e contemporanee per un contrappunto di grandi emozioni. L’ingresso libero.
Alle 21.30 in piazzetta Calderari Cinema sotto le stelle propone un altro fantastico capitolo delle Cronache di Narnia “Il viaggio del veliero”. Ingresso libero, in caso di maltempo si va in aula magna.

25 luglio 2011

MUSICA E MISS ALL'ESTATE IN CITTA'

Lunedì 25 luglio è il gran giorno del Festival Show all'Estate in città di Pordenone.
Alle ore 21 nel Parco di San Valentino per la rassegna il Teatro c’era una volta (realizzata da Ortoteatro con il sostegno di Regione, Provincia e Comune di Pordenone nell’ambito dell’Estate in Città) va in scena lo spettacolo per ragazzi “Amazzonia Pererè” della compagnia svizzera Teatro dei Fauni. Protagonisti sono Pedrino e Narisina, due ragazzi che hanno imparato dal nonno a credere nei sogni. Un folletto dei boschi brasiliani, un Sasí Pereré, li condurrà nella foresta amazzonica in alla scoperta del giocherelloso mondo dei Sasí, non senza incappare nei tranelli di Iara, la bellissima regina delle acque dal canto fatale e di Cuca, la perfida strega con la testa di coccodrillo e zampe di gabbiano. La storia è liberamente ispirata alle leggende riproposte dallo scrittore Monteiro Lobato e le canzoni, tratte dalla musica popolare brasiliana, suonate e cantate dal vivo, danno ritmo e leggerezza anche ai momenti più intensi dello spettacolo. In Brasile, spesso sono le donne a sostenere la società, occupandosi della casa, dei figli, dei legami sociali e anche del sostentamento della famiglia. Le bambine imparano presto ad aiutare le madri, ecco perché al centro dello spettacolo c’è Narisina, che rende giustizia a tutte quelle donne e bambine che, oltre ad occuparsi di mille cose, hanno anche la capacità à di raccontare storie e di credere nei loro sogni.
Alle 21 in piazza XX Settembre (anche in caso di maltempo) arriva l’attesissimo Festival Show di Radio Birikina e Radio Bella & Monella, per la quinta volta all’Estate in Città del Comune di Pordenone: uno degli eventi più attesi e frizzanti dell’estate pordenonese, capaci di attirare e soddisfare un pubblico eterogeneo e di tutte le età.
Come sempre la formula mescola tanti big e giovani talenti emergenti o in gara, presentati dalla brillante show girl argentina Lola Ponce, che non mancherà di dare il suo contributo canoro, coadiuvata nella conduzione da Paolo Baruzzo, coordinatore dell'intero tour.
Pregevole novità di quest'anno è la presenza dell'Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana, diretta dal maestro Diego Basso, che accompagnerà i giovani concorrenti in gara e diversi artisti.
Ecco i nomi dei cantanti che animeranno Pordenone, cominciando dai nomi più accattivanti per i giovani. I Sonohra proporranno in acustica un mix di loro grandi successi, mentre c’è attesa anche per il più recente fenomeno musical-televisivo Virginio ovvero Virginio Simonelli, nel 2006 a Sanremo Giovani e quest'anno vincitore di “Amici”, di cui è uscito il disco d'esordio “Finalmente”.
Da Sanremo arriva anche Tricarico, autore introverso, osservatore col gusto della fantasia. Debuttò canticchiando "Buongiorno, buongiorno, io sono Francesco" e ora dedica all'Italia la canzone "Tre colori". Nel mix tv-canzone rientrano anche gli Effetto Doppler (da "X-Factor") e Roberto Amadè (Sanremo 2011).
Tre saranno invece gli ospiti "storici" che si esibiranno il 25 luglio a Pordenone: Donatella Rettore che è appena uscita col suo nuovo album "Caduta massi", i Cugini di Campagna (indimenticabile la loro "Anima mia" ma anche brani come "Preghiera" e "Conchiglia bianca") e Le Orme, che ci faranno fare un tuffo nel progressiv sessantottino, periodo storico che ancora aleggia nel loro nuovo album "La via della seta". La città renderà omaggio anche ad un proprio corregionale, Miani, tornato da poco con una canzone, "Balkanica", molto suonata in radio.
Non mancherà un doppio momento caliente, rappresentato dai "festosi" Los Locos (con le loro hit "El tic tic tac", "Macarena", "Ai ai ai") e dalle Village Girls (interpreti della colonna sonora del film "Sharm el sheikh").
A Pordenone si esibiranno tre dei 15 giovani in gara: la Bandaddati, formazione di Andria (BT), Silvia Pirani, interprete ferrarese adottata da Padova, e Sonia Addario, pura energia portata dal vento di Cosenza. Ad allietare la serata ci saranno le coreografie di Etienne Jean-Marie, etoile della danza moderna, visto e apprezzato nel talk show di Piero Chiambretti e in innumerevoli videoclip di artisti mondiali. Lo Preshow dalle 20 è condotto da Fedro Francioni e Marco Baxo dello "Sfogatoio" di Radio Piterpan. Protagoniste saranno anche moda e bellezza con 16 ragazze (friulane e venete) che sfileranno per conquistare un posto nella finale di “Miss Kaos”, che sceglierà la testimoniale della campagna pubblicitaria 2012.
Sempre presente anche la solidarietà con la raccolta fondi a favore della Città della speranza, la fondazione di Padova che cura i bambini malati di leucemia.
La puntata di Festival Show a Pordenone sarà diffusa integralmente in diretta da Radio Bella & Monella e Radio Birikina con la conduzione di Franco Ghirardello. Sarà trasmessa la settimana successiva in tv su Antennatre, Free, Telearena, Telemantova e Bresciapuntotv. Ingresso libero.

23 luglio 2011

CONCERTO PER DUE PIANOFORTI

L’Estate in città per domenica 24 luglio propone a Pordenone due appuntamenti per giocare con la scienza e per godere di ottima musica tra le fresche mura del Convento.
Alle 10. 30 l’Immaginario Scientifico di Torre propone un simpatico laboratorio per ragazzi dai 5 agli 11 anni, durante il quale costruire dei giochi sfruttando dei principi scientifici. L’argomento di oggi è l’ape magnetica. L’attività è a pagamento, si consiglia la prenotazione: tel. 040 224424.
Sempre di grande qualità sono i concerti aperitivo della domenica mattina all’Estate in Città, realizzati collaborazione con il Conservatorio di Udine. La prima parte del concerto del 24 luglio rappresenta una sorta di piccolo recital nel quale le due pianiste, Ester Camilla Peric e Elisa Rumici, giovani e dotate di notevole talento interpretativo, propongono quattro brani molto interessanti, appartenenti a diversi periodi storici. Si inizia dal Quarto Scherzo di Chopin, pagina tarda, del 1842, e tra le più enigmatiche, esili e sfuggenti del compositore polacco. Elisa Rumici proporrà di seguito Elegia in mi bemolle minore di Rachmaninov, pagina giovanile di istintivo e febbrile calore creativo, appartenente ai 5 Morceaux de fantaisie op. 3 del 1892 (raccolta nella quale è compreso anche il celebre Preludio "Le campane di Mosca") che il compositore incluse sempre nei suoi concerti e nelle registrazioni su disco e su rullo. Dopo l'esecuzione dello Studio in fa minore di Chopin, tra i più amati per il prevalere della bellezza melodica sulle ragioni della tecnica, sarà la volta di una pagina interessante e di raro ascolto, L'échange, terzo dei Vingt regards sur l'Enfant-Jésus di Olivier Messiaen (1908-1992), uno dei capolavori pianistici più imponenti e impervi della letteratura contemporanea, scritto nel 1944, vertice di esasperata mobilità nella ricerca di colori strumentali, suggestioni illustrative, simboliche e religiose, all'insegna di un pianismo percussivo, netto e abbagliante. Concludono due momenti fondamentali del repertorio cameristico per flauto: la Sonata "Undine" di Carl Reinecke (1824.1910) - per 35 anni direttore d'Orchestra a Lipsia, compositore assai prolifico ma considerato inguaribile conservatore e stilisticamente anacronistico in quanto fortemente legato alla classicità del linguaggio di Mendelssohn per tutta la durata della sua lunga parabola compositiva – e Ballade, brano del 1939 originariamente pensato per flauto, archi e pianoforte, dello svizzero Frank Martin, compositore eclettico ma assai originale in quanto capace di rimanere lontano, pur attingendo ampiamente da essi, da entrambi gli schieramenti stilistici del Novecento, la dodecafonia e il neoclassicismo. Interprete al flauto è Francesca Cilione, una delle migliori musiciste dell'ultima generazione, fresca del conseguimento a pieni voti, al Tomadini, del diploma di secondo livello. Ingresso libero.

LA BANDA NEL PARCO

Ad allietare il sabato 23 luglio dell’Estate in Città a Pordenone, sarà alle 18 nel Parco di San Valentino la Banda “Santa Cecilia” di Puos d'Alpago, diretta da Andrea D'Inca, anche primo trombone della Big band d’Alpago e insegnante (di trombone, euphonium e basso tuba) alla Scuola popolare di Musica cogestita dalla Filarmonica Città di Pordenone. Si tratta di una banda molto antica, con un secolo di storia alle spalle, anche se la costituzione ufficiale avvenne solo nel 1983, Il gruppo bandistico è composto da 32 elementi. L'età media è piuttosto bassa e il recente inserimento di molti giovani provenienti dai corsi musicali ad indirizzo bandistico ha dato vitalità e un promettente futuro al gruppo. Durante il concerto si alterneranno brani di musica originale per banda scritti da alcuni tra i più importanti compositori contemporanei come Andre Wagnein, Jacob De Haan, Robert Smith e allegre marce da concerto. Ingresso libero.

22 luglio 2011

CAMPONE: FAR ARTE E VACANZA

Tra le tante proposte di turismo morbido che offre la provincia di Pordenone c’è anche un’originale “pacchetto” che coniuga il soggiorno in un antico palazzo in pietra immerso nella natura ad un laboratorio artistico. Su iniziativa di Hobby Art, infatti, al Bed and Breakfast Ricami & Passioni di Campone si organizzano in luglio e agosto (sabato, domenica e lunedì) dei week end artistico-naturalistici. Per le lezioni d’arte si potranno scegliere diverse tecniche (disegno, pittura, ceramica, pittura su sasso, paesaggi su sassi, finti marmi), mentre per le escursioni c’è l’imbarazzo della scelta tra il Parco delle dolomiti friulane, il mulino del 1700 e i paesi abbandonati della Val Tramontina.
Info: www.hobbyart.it; 0434/520190

ATTENTI ALLE CONCESSIONARIE FANTASMA

L’allarme arriva da Quattroruote che, nel numero di agosto, racconta la vicenda di un centinaio di clienti convinti di aver sottoscritto una proposta di acquisto per l’auto nuova, con tanto di acconti o saldi versati a un concessionario - apparentemente ufficiale - di una Casa giapponese nell’hinterland di Milano. Quando, però, il punto vendita ha chiuso improvvisamente i battenti senza aver consegnato le auto prenotate, si è scoperto che già dallo scorso autunno non faceva più parte della rete ufficiale di vendita del costruttore. A trarre in inganno i consumatori è stata probabilmente la presenza di numerosi loghi, vetrofanie e pubblicità della Casa nei locali dell’autosalone.
L’episodio, sottolinea Quattroruote, potrebbe non restare isolato, visto che le difficoltà del mercato stanno inducendo le Case automobilistiche a snellire le loro reti commerciali, estromettendo talvolta gli operatori che non rispettano gli standard richiesti: è pertanto importante, prima di firmare documenti e versare acconti, verificare che la struttura alla quale ci si rivolge faccia sempre parte del network ufficiale. La verifica può essere fatta tramite i siti internet o interpellando i relativi centri di assistenza clienti.

!!! SPOSTATO IL CONCERTO FOLKEST !!!

Viste le previsioni incerte del tempo l’organizzazione di Folkest ha deciso di allestire il palco per l’esibizione di Roberto Durkovic e i fantasisti del metrò - prevista questa sera nell’ambito dell'Estate in Città - al Deposito Giordani e non in piazza XX Settembre.

20 luglio 2011

PRIMO IMPIANTO PER RECUPERO PILE

Parte dalle sponde del lago di Como la sfida ecologica alle pile. S.E.Val, azienda di Colico leader nel recupero dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, è pronta ad avviare il primo impianto italiano in grado di recuperare materie prime-seconde partendo dalle normali batterie alcaline e zinco-carbone. Finora questi materiali per essere correttamente trattati e recuperati dovevano essere inviati ad impianti esteri, principalmente in Francia e in Germania.
Il nuovo impianto permetterà di trattare 10mila tonnellate di pile all'anno, su una raccolta complessiva che oggi sfiora le 16mila tonnellate. L'intero procedimento di S.E.Val., nato in collaborazione con l'università "La Sapienza" di Roma e l'università degli Studi dell'Aquila, è stato costantemente monitorato dal Ministero dell'Ambiente tramite l'ISPRA anche per garantire il pieno rispetto dei severi parametri di salvaguardia ambientale.
Affinché la lavorazione sia effettuata in maniera economicamente corretta e possa garantire elevate efficienze di recupero è necessario che ogni tipologia di pila e accumulatore (alcaline, zinco-carbone, nichel-metal-idruro, litio-ione, piombo, etc.) venga trattata con un processo adeguato. Siccome la composizione delle pile è specifica per ciascuna tipologia e varia a seconda del produttore, S.E.Val. ha sviluppato una tecnologia in grado di riconoscere istantaneamente e di suddividere qualunque tipologia di pila ad una velocità reale di 25 pezzi al secondo (90mila l'ora). Le pile così suddivise vengono sottoposte ad una serie di trattamenti meccanici che permettono di separare acciaio nichelato e, più in generale, il metallo utilizzato per l'involucro e le eventuali componenti plastiche da quella che, in gergo, è definita "black mass" o pasta di pile. Quest'ultima costituisce il 70 per cento del materiale sottoposto a trattamento ed è composta per la gran parte da carbonio, zinco e manganese. Tramite una successione di reazioni e una fase di recupero elettrolitico è possibile ottenere la produzione di lamine di zinco metallico puro al 99% e ossidi di manganese utilizzabili come pigmenti.
L'impianto a regime permetterà di reimmettere sul mercato, ogni anno, circa 8mila tonnellate di materie prime-seconde. Il ciclo che si svolge senza la necessità di interventi manuali, viene controllato da una serie di processori, evitando antieconomiche interruzioni. Inoltre un sistema di supervisione, collegato in rete, gestisce un'allarmistica specifica in grado di allertare il personale specializzato a fronte di qualunque scostamento rispetto ai parametri ottimali.

TANTA MUSICA SOTTO LE STELLE

E’ un giovedì sotto le stelle lungo e ricco il 21 luglio dell’Estate in Città di Pordenone con i negozi aperti, musei e biblioteca in apertura straordinaria, visite guidate, e tante iniziative tra arte e musica. Al pomeriggio, ore 15.30, nel parco Pia Baschiera Tallon c’è il ballo con musica dal vivo per la gioia dei più anziani, che amano coltivare la socialità attraverso il ballo. Alle 17.30 sotto la Loggia del Municipio proseguono le visite gioco con laboratorio organizzata dal Centro iniziative Culturali Pordenone, durante le quali Lisa Garau, atelierista di laboratori creativi, guiderà i bambini, alla scoperta del magico mondo delle opere di Alberto Pasqual, protagonista di Giardini d’arte, e proseguirà con il laboratorio creativo allestito nel Convento di San Francesco.
Alle 20.30 piazzetta Freschi fa largo ai giovani del progetto Naonian City Music. Ad aprire la serata sarà la formazione “Classic Frames” nata dall’amicizia e dalla voglia di suonare insieme di giovani studenti di musica classica tra cui Enrico Coden, Marco Polese, Leo Morello e Maria Lincetto. Portabandiera della musica d’oggi saranno invece Klode e i Catch a fyah. Il cantautore Klode si esprime grazie ad una ricerca sonora fatta di ascolti che vanno dal soul all'elettronica, in cui i linguaggi si mescolano per dare ai brani una veste a tratti cinematografica, rivolta alla poetica dell'intimismo. I testi naif e lo spirito improvvisativo sono l'anima di questo progetto. I Catch a fyah, nati nel 2010 per iniziativa di Nicholas Lanfrit (basso), hanno coinvolto Paolo Petrillo (voce e chitarra, Tommaso Gieri (batteria), Davide Menegotto (tastiera), Alice Gaspardo (trombone) trovando la collaborazione speciale di Stefano Salmaso (sax dei Mellow Mood). Il loro genere è Reggae/Dub/Roots. Ingresso libero.
Il cortile di Palazzo Gregoris ospita alle 20.45 la rassegna “Musica e parole a Palazzo Gregoris” a cura della Società Operaia con “Roma sparita”, spettacolo di Enzo Samaritani con Sam il Menestrello, Maria Grazia di Donato e il maestro Fabrizio Zambon. Si tratta di un recital dedicato alla capitale dove romanticismo, umorismo e un po’ di nostalgia fanno sognare ad occhi aperti la città eterna: una passeggiata fra fontane e vicoletti, forse perduti, di una Roma giocata nelle serenate, negli stornelli, nella poesia. Enzo Samaritani, alias Sam, con la sua chitarra, da vero intrattenitore a tutto tondo, interagisce con il pubblico fino a farlo diventare protagonista dello spettacolo. La serata è impreziosita dalla femminilità e la simpatia di Maria Grazia Di Donato, attrice-cantante e dalla musicalità del maestro Fabrizio Zambon. L’ingresso è libero, in caso di maltempo la serata si svolgerà nella sede del sodalizio all’interno del palazzo.
Alle 21 nel Convento di san Francesco per la rassegna “C’era una volta il jazz a cura del Cem per l’Estate in Città, è di scena il Trio Apolide (Cesare Coletti, chitarra, Luca Grizzo, voce e percussioni, Roberto "Drumo" Vignandel, batteria e percussioni). Un progetto che segna un gradito ritorno al “jazz”dell’eclettico chitarrista pordenonese Cesare Coletti, uno dei musicisti “storici” della città. Da anni stimato didatta e concertista per diversi gruppi e artisti, sia locali che nazionali, Coletti si presenta per assieme a Luca Grizzo alla voce e percussioni e a Roberto ‘Drumo’ Vignandel alla batteria e percussioni. I suoi compagni di viaggio provengono da diverse esperienze; Grizzo vanta collaborazioni prestigiose come percussionista e validi progetti come cantante, Vignandel è uno dei batteristi più ricercati nel panorama rock locale. Questa eterogeneità di esperienze trova immediato riscontro nel proposito artistico del gruppo: un trio lontano dagli stilemi, senza confini di tempo o geografici, dove il suono ha la possibilità di riappropriarsi della sua primordiale forza emotiva, e il ritmo evoca l'ancestrale rapporto con la vita. Tutto ciò che ci circonda e si ascolta diventa ispirazione rimbalzando fra gli echi della nostra storia.
Il concerto si presenta sotto forma di ‘suite’, dal titolo “Faces”: una sorta di viaggio attraverso le diverse facce del jazz, fatto di persone, personaggi, emozioni e suggestioni e che vedrà passare sotto le note e i suoni del Trio Apolide, John Coltrane, Miles Davis, Pat Metheny, Freddy Hubbard, Dizzy Gillespie, unitamente ad alcuni brani originali. La serata vedrà anche la collaborazione di Giuseppe Intellisano, esperto di Jazz e direttore artistico del festival Jazz Koinè, con la proiezione di alcune immagini legate al titolo scelto dai musicisti per serata. Ingresso libero.
Alle 21.15 l’Estate in Città ospita una tappa del Folkest organizzata in collaborazione con cooperativa Itaca, abbinando un concerto energico e travolgente alla riflessione sui temi sociali, in particolar modo sulla salute mentale. La salvaguardia delle persone con sofferenza mentale e delle loro famiglie significa infatti anche accoglienza e rispetto di tutte le individualità. Perché tutela del diritto di cittadinanza è sinonimo anche di potenziamento dell'autonomia della persona e valorizzazione di tutte le abilità. Itaca, Folkest e Comuen di Pordenone si uniscono così nel promuovere e sostenere valori quanto mai attuali come la vicinanza, la fratellanza, l'aiuto reciproco al di là di ogni confine etnico, stigmatico, religioso, fisico o di qualsiasi altro genere. Sul palco di piazza XX Settembre saliranno Roberto Durkovic e i Fantasisti del Metrò ovvero Roberto Durkovic (chitarra e voce), Ion Bosnea (clarinetto), Massimiliano Alloisio (chitarra), Florian Albert Mihai (fisarmonica), Davide Marzagalli (batteria e percussioni), George Bosnea (violoncello), Minel Lupu (contrabbasso), Ugo Begliomini (basso elettrico), Emilio Rossi (tastiere). Roberto Durkovic, è italiano di nascita e figlio di un praghese. I musicisti tzigani, incontrati nei vagoni della metropolitana di Milano, hanno fatto concretizzare il progetto artistico di Roberto Durkovic con la musica tradizionale dei Rom. Ma questo progetto è molto di più perché le culture etniche si sono amalgamate con i colori della rumba e la magia del flamenco, con il tango argentino in onore del grande maestro Astor Piazzolla, con una dedica particolare al maestro e ispiratore Francesco Guccini. Durkovic rappresenta una delle più belle novità tra i cantautori italiani degli ultimi anni. Ingresso libero, in caso di maltempo si va al Deposito Giordani.

I GIORNI DELLA GRANDE FOTOGRAFIA

Si ricorda che domani 21 luglio ore 21.00 avrà luogo l'incontro con Romano Folicaldi su Fotografia e Neorealismo in Italia: quale eredità? al Teatro Arrigoni di San Vito al Tagliamento; il giorno 22 luglio ore 19.00 l'incontro con Frank Horvat in Corte Morpurgo a Udine e a seguire l'apertura della mostra Frank Horvat No Repeat 1945-2010 presso la Galleria Tina Modotti a Udine; il giorno 23, ore 11.30, avrà luogo l'inaugurazione della mostra Tra Sogno e Realtà presso la Sala Polifunzionale Il Caseificio di Spilimbergo e alle 18.00 l'inaugurazione della mostra dedicata a Mario Giacomelli presso Corte Europa.
Infine alle 19.00 la cerimonia inaugurale di Spilimbergo Fotografia con la consegna dei premi presso Palazzo Tadea a Spilimbergo.
Il giorno 24 luglio, ore 11.30, a Palazzo Tadea, si terrà la conferenza stampa di presentazione del concorso fotografico internazionale La cartolina delle Dolomiti .Premio Dino Buzzati.
Sabato 23, dalle ore 17.00 alle 19.00, Giuliano Borghesan terrà l'appuntamento Passeggiata fotografica a Spilimbergo, con ritrovo all'ingresso della palestra di Via Mazzini.
Sabato e domenica 23-24 luglio, presso la Palestra di Via Mazzini a Spilimbergo, sarà aperta al pubblico la XIX edizione di Fotomercato.
Sempre nel week-end nella sala espositiva permanente - Fondazione Ado Furlan di Palazzo Tadea, avrà luogo l'iniziativa gratuita Fotomodelle in posa con i fotografi Gianni Cesare Borghesan e Sara Corsini (11.00-13.00 / 15.00-19.00).

19 luglio 2011

ARCHI IN CONCERTO A PORDENONE

L’Estate in Città del Comune di Pordenone di mercoledì 20 luglio comincia con il laboratorio ludico creativo condotto da Julia Artico (Spirito del bosco) alle 17 alla Galleria d’arte Moderna, che condurrà alla scoperta delle antiche tecniche della catapulta, sotto le fronde di Parco Galvani.
Alle 18.30 sotto la Loggia del Municipio c’è l’appuntamento per la visita guidata a cura di Itineraria. “Portus Naonis: rogge, rughe e campielli -viaggio nel Medioevo di Pordenone”. Un itinerario che va alla scoperta delle tracce dell’insediamento più antico della città ripercorrendo il tracciato del primo insediamento medievale. I suoi monumenti più significativi sono il duomo e il municipio ma a occhi attenti il tessuto urbano svela presenze insospettate e affascinanti. Ecco allora delinearsi la sagoma della duecentesca chiesa di Sant’Antonio ab incarnario, lo snodarsi delle mura vetuste, il fluire delle antiche rogge attraversate dai ponti e le tracce delle sepolture dei primissimi abitanti di Pordenone. Addentrandosi nelle viuzze si incontra la Madonna del Latte, un’immagine parlante della pietà popolare e si giunge al Campiello del Cristo, luoghi per secoli frequentati da pellegrini e penitenti che ancora oggi hanno da dare mille straordinari suggerimenti.
Alle 21 nel Convento di San Francesco la serata del ciclo incontri musicali con Roberto Calabretto a cura di Farandola, SONO 5, è dedicata al quintetto d’archi. I protagonisti del progetto SONO - Gabrielle Shek (violino), Ettore Scimemi (violino), Alfredo Zimarra (viola), Balazs Toth (viola), Giovanni Gnocchi (violoncello) – eseguiranno il Quintetto per archi in Do maggiore, KV 515 di W.A. Mozart e il Quintetto per archi in La maggiore, op. 18 di F. Bartholdy-Mendelssohn. Il progetto SONO si pone quasi come un’oasi nella vita del bravo musicista, dove c’è un gran via vai: ci si incontra, si suona, applausi e tanti saluti, per poi ripartire. Esso rappresenta la libertà di suonare senza curarsi delle logiche di mercato, di avere come compagno di fila un amico, di scegliere il repertorio e il modo di suonarlo. Raccoglie un know-how di rango, proveniente dalle migliori orchestre europee (Chamber Orchestra of Europe, Orchestra Mozart, Mahler Chamber Orchestra, Filarmonica della Scala, Opera di Zurigo, Europa Galante) e dalle più felici esperienze cameristiche italiane (Quartetto Florestano, Quartetto di Cremona). Non ha un direttore di riferimento, ma nelle sue precedenti vite vanta collaborazioni prestigiose. SONO é un Lusso che alcuni musicisti hanno deciso di concedersi e di concedere. Un’orchestra duttile a geometria variabile, con un debole per Bach ma perfetta nel repertorio classico e romantico. Ingresso libero.
Alle 21.30 in piazzetta Calderari Cinema sotto le stelle propone “The American” di Anton Corbijn e girato in Abbruzzo. Basato sul romanzo di Martin Booth “The American. Il signor farfalla” (A Very Private Gentleman) è interpretato da George Clooney, affiancato da Violante Placido, Paolo Bonacelli e Filippo Timi. In caso di maltempo si va in aula magna.

SERIE ORO PER LA MV AGUSTA F3

MV Agusta ha reso noto che il prezzo al pubblico, della tanto attesa F3, sarà di 11.990 euro. Come già annunciato, i tempi di industrializzazione sono stati anticipati di ben
4 mesi. La commercializzazione partirà entro la fine di quest’anno. Nel solco della tradizione MV Agusta, la nuova F3 sarà preceduta da una serie limitata che prenderà il nome di F3 “Serie Oro” dedicata agli appassionati dell’eccellenza “Made in Italy”. Gli esclusivi pezzi, che verranno prodotti su ordinazione fino a un massimo di 200 unità, si distinguono dalla versione standard sotto molteplici aspetti, che riguardano sia l’estetica che la meccanica.
La F3 Serie Oro è riconoscibile per le piastre telaio e per il monobraccio dorati; stessa
colorazione per i cerchi in alluminio forgiato. Anche gli specchi retrovisori sono verniciati e il telaietto reggisella è in tinta con il colore del traliccio in tubi della F3. Il rivestimento della sella pilota e passeggero, realizzato interamente a mano, è in vera pelle ed
alcantara e dona alla Serie Oro ulteriore eleganza.

SERATA CON MASSIMO BAGNATO

Dopo il grande successo del primo appuntamento cui partecipò Giorgio Verduci, alias padre Donovan, la Piubello Invest propone il secondo appuntamento per quello che sta diventando attesa serata per gli amanti del cabaret abbinato all’ottima cucina. Sabato 23 luglio, a Lignano Sabbiadoro al Ristorante Falcone in Viale Europa 21 fronte Municipio, Piubello ed il suo staff propongono una serata con il noto comico televisivo, Massimo Bagnato che intratterrà i partecipanti dopo la cena intitolata “delizie del Mediterraneo” predisposta dall’instancabile Rino Marin nuovo gestore dell’hotel-ristorante della città balneare.
Questa seconda tappa che vede attore protagonista il comico romano noto ai più per le sue apparizioni a Zelig ed a Quelli del calcio è un nuovo passo prima della presentazione del “Cartellone Piubello 2011-12” che vedrà un autunno inverno all’insegno della risata e della buona cucina tipica della terra friulana.
La partecipazione su prenotazione (www.piubellosport.com o 0432.574176) ha un costo di euro 60,00 e comprende la cena oltre che lo spettacolo che si terrà all’aperto nel parco del ristorante. A sole prenotazioni cena più spettacolo esaurite sarà possibile partecipare al solo spettacolo con quotazione di euro 30,00.

18 luglio 2011

L'EPOPEA DEI "BARCARI"

Martedì 19 luglio l’Estate in Città del Comune di Pordenone comincia con i sorrisi dell’opera buffa e termina a notte fonda con i brividi dell’horror. Alle 16 l’incontro in Biblioteca Civica (Saletta Conferenze) è dedicato a “La bella Hélène” di Offenbach, proiettata in dvd e presentata da Roberto Cozzarin. Alle 17, il Museo d’arte apre le sue porte con un laboratori per tutti alla scoperta dei segni e delle testimonianze e lasciate dalla famiglia Ricchieri, proprietaria del palazzo e delle collezioni che vi hanno trovato ospitalità.
Alle 21 nel Convento di San Francesco comincia l’evento clou del festival Filmmaker al chiostro: la Notte horror, serata speciale di proiezioni a ingresso libero dedicata al cinema di genere in cui protagonisti saranno i cortometraggi realizzati da giovani e promettenti registi provenienti da tutta Italia e dall’Europa. Un appuntamento da brivido che vedrà la presenza di un ospite d’eccezione: Gabriele Albanesi, regista e produttore cult della scena horror italiana. Classe 1978, Albanesi è a tutti gli effetti l’enfant-terrible del cinema di genere italiano. Grazie al suo primo lungometraggio, lo splatter “Il bosco fuori” (2006) ha attraversato gli oceani con un grande successo di vendite in Giappone e conquistando la Ghost House Underground del regista Sam Raimi, che in associazione con LionsGate, ha distribuito negli USA la pellicola. La stessa pellicola in grado di guadagnarsi, nel 2008, un posto al sole nella top ten dei migliori film horror dell’anno redatta dalla rivista statunitense BloodyDisgusting. Il film si è avvalso degli effetti speciali creati da Sergio Stivaletti, tanto efferati da valere al film il divieto ai minori di 18 anni. L'intenzione del regista era quella di rilanciare il cinema horror italiano riferendosi ai film "estremi" di inizio anni '70, con uno stile non politicamente corretto e non appiattito sul concetto di "televisionabilità”. E’ del 2011 il suo nuovo lavoro, “Ubaldo Terzani Horror Show”, un thriller/horror sul tema della creazione letteraria, connotato da forti componenti oniriche e visionarie.
La Notte Horror darà poi spazio alle opere degli aspiranti registi in concorso nella sezione corti horror. In programma la proiezione di: “A joke of too much” del 25enne Francesco Picone, un corto in stile GrindHouse; “Bloody toner”, del giovane regista sacilese Francesco Roder. “Darkness within” del regista di origini leccesi ma ormai londinese d’adozione James Kendall, presentato in importanti Festival a Berlino e Londra; “Anatomy” del milanese Vincenzo Pandolfi, agghiacciante corto sull’ “anatomia dell’odio”, presentato in importanti Festival horror a Madrid (Semana del Horror 2010) e Tulsa, Oklahoma (Underground Horror Fest 2010); “Durante la morte” di Davide Scovazzo, romantica storia sulla putrefazione; “Betania”, viaggio nel mondo dei morti di Andrea Giornaro, vincitore per la migliore attrice al SouthAfrica Horror e nomination migliori effetti speciali al Maverick Movie Award; “Scusa amore” del goriziano Ichi (Federico Scargiali), corto girato utilizzando un telefonino; “Juan con Miedo” del giovanissimo regista spagnolo Daniel Romero. Il Premio al miglior cortometraggio horror verrà assegnato dal pubblico.
Per la seconda serata di Fresco Teatro a cura di EtaBeta Teatro alle 21.15 nel parco di San Valentino va in scena la Ballata del Barcaro per la regia di Roberto Cuppone (che firma anche il testo) con Gigi Mardegan, che rievoca l’epopea dei barcàri, antica e gloriosa nel Veneto serenissimo dei quattrocento canali, ma che finisce improvvisamente negli anni Sessanta col benessere e con le prime autostrade; e le vite degli ultimi traghettatori – dure, romantiche e un po’ zingaresche - si fanno leggenda popolare. Siamo nel 1964. In riva al Sile, Ugo, l’ultimo barcàro, ha ormeggiato la propria barca in attesa di un vento nuovo. I suoi ricordi, agli occhi del giovane mozzo Napoli, diventano quadri di una ballata, che si snodano in un racconto comico e denso di emozione. Così, anche senza volere, la vita di Ugo si fa spettacolo, la sua barca un palcoscenico galleggiante, la sua vela un fantastico fondale e insieme una bandiera. E Ugo si dimostra essere un grande cantastorie, perché il vento nuovo, quello che ancora e sempre gonfia la sua vela, è quello delle emozioni di chi lo vede passare dalla riva. Cosa ci stiamo perdendo? Cosa sta scorrendo via con l'acqua dei fiumi? Forse le parole antiche, capaci ancora di andare da sponda a sponda; forse l'idea di radici come scelta e non come destino. Uno spettacolo ricco di emozioni e nostalgia per un mondo che non è più, ma merita un posto nella storia e nella memoria. Ingresso libero, in caso di maltempo si va all’auditorium Concordia.

17 luglio 2011

UN LUNEDI' DA RAGAZZI

Alle ore 21 nel Parco di San Valentino per la rassegna il Teatro c’era una volta (realizzata da Ortoteatro con il sostegno di Regione, Provincia e Comune di Pordenone nell’ambito dell’Estate in Città) va in scena lo spettacolo per ragazzi “Pippo e Girasole”.
Lo spettacolo fa parte del repertorio di Ortoteatro, produzione dello scorso anno che è stata premiata da Larea, Laboratorio di Educazione Ambientale dell’ARPA FVG, come spettacolo che offre spunti utili per avvicinarsi e riflettere sui temi della sostenibilità. Si parla infatti di ambiente e sviluppo sostenibile, di come anche i piccoli siano coinvolti nella tutela di questa terra che ci è stata donata. E allo stesso tempo parla di crescita: la crescita dell’individuo in armonia con se stesso e con chi e cosa ci circonda.
È il compleanno di Filippo, detto Pippo, un bambino vivace e molto curioso. Dopo aver scartato tanti pacchi pieni dei soliti giochi e ammennicoli elettronici, ecco l'ultimo minuscolo pacchettino. Si tratta di una scatolina gialla, dentro la quale è adagiato un regalo davvero speciale: un seme di girasole! Pippo corre a piantarlo in un vasetto, nel piccolo giardino davanti a casa sua. Il seme riposa nella terra e intanto fa la conoscenza degli altri abitanti della stessa aiuola. Una bella coccinella gialla, Puntina, con tanti puntini neri, che soffre del complesso di non essere rossa, un lombrico, Lollo, e il porcospino Spillo.
Il seme è ancora piccino e non sa nulla della vita né di se stesso, ma pian piano, grazie alle cure di Filippo, ecco che timidamente nasce un piccolo germoglio. Ma ben presto scopre che anche la vita di un semplice fiore come lui può essere piena d'insidie, come la presenza del terribile Fumonero.
L’ingresso è libero, in caso di maltempo si va all’auditorium Concordia.
Alle 21.30 in piazzetta Calderari per il Cinema sotto le stelle c’è il film animato in 3d “Rapunzel, l’intreccio della torre” di Byron Howard e Nathan Greno, liberamente ispirato alla favola di Raperonzolo, la giovane fanciulla dai lunghissimi capelli biondi prigioniera in una torre. Disney la trasforma in una eroina indipendente che vuole andare alla scoperta del mondo. Rapunzel è il film d'animazione più costoso della storia, ma ha anche sbancato il botteghino, per l’efficacia del character design, la piacevolezza del musical e il divertimento assicurato dalle avventure rocambolesca dei due protagonisti. Ingresso libero, in caso di maltempo si va in aula magna.

14 luglio 2011

KASPERSKY PORTA LA FERRARI A MOSCA

Kaspersky Lab, società leader nel settore della sicurezza informatica, sponsor di Scuderia Ferrari, porterà Giancarlo Fisichella e la Ferrari F10 a Mosca per partecipare al Moscow City Racing, il popolare evento in programma il 17 luglio nella capitale russa.
Moscow City Racing, giunto alla sua quarta edizione, vedrà quest’anno per la prima volta la partecipazione ufficiale della Ferrari che, su invito di Kaspersky Lab, giungerà a Mosca con la monoposto che ha partecipato al Campionato del Mondo di Formula 1 nel 2010. L’onore di guidare per la prima volta in Russia una Ferrari di Formula Uno spetterà a Giancarlo Fisichella, a disposizione della Scuderia di Maranello per le attività commerciali e sportive legate allo sviluppo della vettura: il pilota romano si cimenterà sullo spettacolare tracciato cittadino che, partendo dalla Piazza Rossa e lambendo le mura del Cremlino, attraversa il centro storico di Mosca.
Kaspersky Lab è una delle aziende in più rapida ascesa nel settore della sicurezza informatica a livello mondiale. Oggi è saldamente posizionata tra i quattro principali fornitori di software di sicurezza per utenti finali al mondo.

NUOVA SUZUKI V-STROM 650 ABS

In questi giorni è stata presentata la nuova Sport Enduro-Tourer di casa Suzuki: la V-Strom 650 ABS. Nel 2002, Suzuki ha introdotto la V-Strom 1000; le sue prestazioni e la sua immagine hanno ottenuto un consenso unanime. Nel 2003, è stata così lanciata la V-Strom 650 diretta a una clientela più ampia. La versatilità della moto permette infatti non solo un uso quotidiano, ma anche le gite fuori porta nel fine settimana con tratti di percorrenza più lunghi.
La nuova V-Strom 650 ABS è stata sviluppato sulla base del concept "The Comfortable Adventure Tourer". Oltre ad esaltare le collaudate prestazioni del motore ai bassi e medi regimi e la versatilità dell'attuale modello, la nuova V-Strom è stata ulteriormente migliorata nel comfort di guida e nel design per una migliore protezione dall’aria. Sono stati inoltre ottimizzati i consumi per un maggior risparmio di carburante e le emissioni per un minor impatto sull’ambiente.
Il 2012 segnerà il decimo anniversario della serie V-Strom dal momento della sua introduzione, 10 anni di successi e consensi da parte dei motociclisti che hanno apprezzato le doti del motociclo.

13 luglio 2011

SOTTO LE STELLE DEL JAZZ

E’ un giovedì sotto le stelle lungo e ricco il 14 luglio dell’Estate in Città a Pordenone con i negozi aperti, musei e biblioteca in apertura straordinaria, con visite guidate e tante iniziative. Come quelle a cura dei commercianti: gli incontri di briscola con anguriata in via Cavallotti e l’incontro in piazzetta Freschi alle 21 “Buon Compleanno Italia da Pordenone”, una carrellata di immagini e commenti storici a cura di Maria Luisa Gaspardo Agosti.
Nel cortile di Palazzo Gregoris alle 20.45 la rassegna “Musica e parole a Palazzo Gregoris” a cura della Società Operaia propone “Zero Follie”, tributo a Renato Zero, di Claudio e Raffaello, passando per tutti i suoi più grandi successi. L’ingresso è libero, in caso di maltempo la serata si svolgerà nella sede del sodalizio all’interno del palazzo.
Alle 21 il Convento di San Francesco ospita il secondo appuntamento di C'era una volta il jazz a cura del Cem: “Moderne stravaganze-progetto Bach” con Antonino Puliafito al violoncello e Rudy Fantin al pianoforte. Le prime 3 suite per violoncello solo di Bach vengono reinterpretate attraverso un particolare l’interplay tra le note dello spartito e l’improvvisazione pianistica di estrazione jazz. Il risultato è una rilettura del testo barocco attraverso nuove sonorità di volta in volta diverse e sorprendenti tanto per gli esecutori che per gli ascoltatori, laddove i musicisti per primi devono adeguare la propria performance alle istanze creative dell’altro, rimanendo costantemente in ascolto.
Antonino Puliafito dal 2002 fino al 2004 è Primo Violoncello dell’Orchestra Sinfonica del Friuli Venezia Giulia, ha collaborato con le più importanti istituzioni musicali italiane ed estere come Orchestra del Teatro Regio di Torino, Orchestra dell’Arena di Verona, Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova, Orchestra della Svizzera Italiana, Junge Deutsche Philarmonie, Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma. È fondatore del Trio Operacento col quale ha effettuato concerti in Italia e all’estero e vinto importanti concorsi internazionali a premi (Rovere d’Oro, Luigi Nono di Torino, Alpe Adria di Majano). Dal 2005 fa parte dell’Orchestra della Fondazione Teatro La Fenice di Venezia.
Rudy Fantin si perfeziona con il maestro Panhofer, docente di pianoforte classico alla Hochschule fuer Musik di Vienna, al Conservatorio di Klagenfurt studia jazz e accompagnamento per coro e cantanti. Suona e collabora con prestigiosi musicisti italiani e di oltre confine, collabora con il chitarrista austriaco Martin Shonelieb e con lo sloveno Jani Moder. Può vantare collaborazioni con musicisti americani quali Tim Reynolds, Tony Scott, Barry Martin, Benny Baley, Cheryl Porter, Bob Singleton, Royce Campbell. Intensa anche la sua collaborazione con i cori gospel tra cui il F.V.G. Gospel Choir, da lui fondato assieme ad Alessandro Pozzetto. Si è esibito in varie rassegne italiane ed estere. E’ attivo come arrangiatore di musica moderna per vari tipi di organico. Dal 2006 accompagna l’Orchestra di musica leggera italiana diretta per il recital Notre dame de Paris. Su Rai 2 ha accompagnato vari cantanti fra cui Anna Tatangelo, Enrico Ruggeri, Ron, Amedeo Minghi, Katia Ricciarelli, Luca Carboni, Lola Ponce.
Ingresso libero.

A PALMANOVA SI RISPARMIA CON STILE

Dal 14 al 18 luglio arriva a “Palmanova Outlet Village” la nuova campagna E.ON “Risparmia con stile, vinci con l’energia di E.ON” rivolta a tutti i cittadini per scoprire come usare l’energia in modo consapevole e ricevere consigli sul risparmio per la casa, l’azienda ma anche suggerimenti per ottimizzare le spese personali.
All’interno del “Punto E.ON”, lo stand allestito nell’Outlet di Palmanova, infatti, un particolare spazio ospiterà professionisti che offriranno gratuitamente suggerimenti per la cura dell’immagine. A tutti i visitatori, inoltre, sarà consegnata una cartolina “gratta e vinci” per partecipare al concorso “Risparmia con stile, vinci con l’energia di E.ON”. I più fortunati avranno la possibilità di essere accompagnati da un personal stylist per un tour di “shopping efficiente” all’interno dell’Outlet.
I cittadini avranno anche accesso libero a postazioni munite di iPad che, attraverso un particolare software, consentiranno di effettuare il “Check Up E.ON Energia” calcolando i chilowattora, le emissioni CO2 e gli euro che è possibile risparmiare seguendo alcuni particolari accorgimenti. Sarà possibile ritirare il “Decalogo E.ON”, un manuale di eco-consigli pratici, quali la sostituzione delle lampade tradizionali con quelle ad alta efficienza o l’eliminazione dei consumi da stand by. All’interno del Decalogo utili “eco-adesivi” aiuteranno gli utenti a ricordarsi di utilizzare l’energia in modo consapevole.

VIOLINO ROMANTICO: INCONTRIAMOLO A PORDENONE

L’Estate in Città del Comune di Pordenone di mercoledì 13 luglio vede l'inizio alle 21, nel Convento di San Francesco degli incontri musicali con Roberto Calabretto a cura di Farandola. Come da consuetudine il musicologo accompagnerà il pubblico in interessanti percorsi musicali affiancato da amici musicisti che condividono lo studio e la ricerca di repertori nuovi. Questo primo appuntamento è dedicato al "violino romantico" e vedrà protagoniste Gabrielle Shek (violino) ed Anna Baratella (pianoforte). Si tratta di un concerto di musica da camera per violino e pianoforte, dedicato prevalentemente alla musica romantica. Franz Schubert e Robert Schumann saranno i protagonisti della serata con due Sonate: quella di Schubert con delle atmosfere viennesi quella di Schumann già immersa nelle inquietudini del secolo diciannovesino.
Gabrielle Shek, violinista di origine cino-giapponese, è nata a San Francisco dove ha iniziato a suonare all’età di quattro anni. Si è laureata in musica (col massimo dei voti e la lode) alla Yale University, e ha conseguito un Master in musica (con menzione speciale) al New England Conservatory di Boston. Gabrielle Shek ha dato concerti come solista e camerista in tutto il mondo. Ha suonato con la Tonhalle Orchestra di Zurigo e vincendo il posto di spalla dei secondi violini dell’Orchestra dell’Opera di Zurigo. Ha suonato con i più famosi direttori d’orchestra. Ha collaborato come spalla ospite con l’Orchestra del Teatro La Fenice e con l’Orchestra da Camera di Padova e del Veneto ed è stata spalla dell'Orchestra da Camera Lorenzo da Ponte. Attualmente è membro dell'Orchestra Mozart e collabora con la Chamber Orchestra of Europe.
Anna Baratella, ha conseguito il diploma in pianoforte sotto la guida di Giorgio Lovato al Conservatorio di Venezia, il diploma di secondo livello in pianoforte con indirizzo cameristico con e il diploma in clavicembalo sotto la guida di Andrea Marcon. Si è perfezionata in pianoforte con Alexander Lonquich, Kostantin Bogino, Giorgio Lovato e alla Scuola di Alto Perfezionamento “Filarmonici di Torino” a Saluzzo. É stata premiata in concorsi nazionali come solista e in duo. Si è esibita in vari Festival Internazionali musicali e Stagioni concertistiche a fianco di alcune prime parti dell’Orchestra del Friuli Venezia-Giulia e dell’Orchestra da camera di Padova. Appassionata cultrice della musica da camera, è apprezzata anche come interprete di musica contemporanea per pianoforte solo.

VENTI GUZZI PUNTANO A NORD

Una Volvo XC60 con il ruolo di veicolo di supporto fa parte del Raid Norge, che ha preso il via l'11 luglio da Mandello del Lario, sede storica di Moto Guzzi, e che porterà 20 moto con 17 giornalisti europei fino a Capo Nord, dopo 10 giorni di cavalcata attraverso il Vecchio Continente.
Capo Nord è senz'altro una delle mete "mitiche" di tutti i motociclisti del mondo, punto di arrivo di un tour che è anche una sfida con se stessi. In virtù della sua vocazione di grande stradista, Moto Guzzi è senz'altro uno dei marchi che meglio sa interpretare la cavalcata verso quel punto così speciale e significativo del globo.
In tal senso, il parallelo con Volvo è evidente e rende più che mai plausibile l'abbinata in occasione del Raid Norge 2011. Come è noto, anche Volvo ha nel viaggio, breve o lungo che sia, uno degli elementi chiave della filosofia del proprio Brand. Ed essendo prodotta in un Paese del Grande Nord, Volvo ha di fatto tutta la credibilità e le caratteristiche che servono per poter incarnare nel miglior modo possibile lo spirito del viaggio fino all'estremità settentrionale del mondo.

12 luglio 2011

FORD KA, L'USATO DA CERCARE

Secondo i dati riportati dall’Indice AutoScout24 dei prezzi delle auto usate relativo al mese di giugno 2011, si evince che il prezzo medio dell’automobile usata si attesta a quota 14.428 € (+0,01% VS mag 2011), praticamente uguale al mese precedente interrompendo la flessione che durava da ottobre 2010.
Tra le evidenze:
* Seat Ibiza è l’auto che nel mese di giugno ha subito la maggior rivalutazione, aumentata dell’+1,8% rispetto a maggio.
* All’estremo opposto, la Ford Ka è il modello che ha riportato la maggior svalutazione, pari a -3,9%. Risulta quindi essere l’opportunità del mese per chi è alla ricerca di un’occasione.
* Per quanto riguarda le categorie, si nota che a giugno registrano tutte dei leggeri decrementi: Monovolume, SUV e Classe Media (-5%), Compatte e Sportive (-6%) e City Car (-7%).
* I modelli la cui richiesta sale di più sono Mercedes-Benz CLK e Fiat Ducato, che a giugno riportano un +3% rispetto al mese precedente. A seguire BMW serie 7 e Opel Zafira (+2%), e Opel Astra (+1%).
* La marca con il maggior incremento percentuale nelle richieste a giugno è Abarth, con un +4% rispetto a maggio, seguita da Cadillac che registra un +3%.
* Le auto più richieste in assoluto restano quelle della Classe Media, in particolare la BMW Serie 3.
L’Indice AutoScout24 è in grado di misurare l’evoluzione dei prezzi e dunque i trend di questo settore, a partire dalla misurazione del prezzo medio di tutte le automobili usate di cui è stata pubblicata un’inserzione su AutoScout24.it, oltre 300.000 veicoli

EVOQUE, COMINCIA LA PRODUZIONE

Il 4 luglio costituisce una pietra miliare per la nuova Range Rover Evoque. Infatti, è il giorno il cui primo esemplare di serie ha lasciato le linee di montaggio della fabbrica di Halewood, (Liverpool). Ralf Speth, CEO della Jaguar Land Rover, dirigenti, rappresentanti sindacali e dipendenti, si sono riuniti per celebrare quest'avvenimento. Il primo esemplare dell’Evoque sarà donato al Museo Archivio dell’Automobilismo Britannico.
Ha così commentato Ralf Speth “Range Rover Evoque è un veicolo incredibilmente emozionante, che si sposa alla perfezione con la gamma dei nostri due marchi, oggi sempre più forte e consolidata. I tecnici che hanno progettato e realizzato l’Evoque, lavorando a stretto contatto con i loro colleghi, ricercatori e fornitori, possono essere orgogliosi del risultato ottenuto. L’interesse in tutto il mondo per il nuovo veicolo è stato davvero eccezionale: 18.000 ordini di clienti impazienti di essere fra i primi a possedere la nuova Range Rover”.
Il lancio della Range Rover Evoque è solo una della 40 novità di prodotto che la Jaguar Land Rover realizzerà nei prossimi 5 anni, nel contesto della più ambiziosa offensiva di mercato di tutta la storia dei due marchi.

"PISCININ, BRUT E CATIFF"

Martedì 12 luglio l’Estate in Città del Comune di Pordenone si apre all’insegna dell’opera buffa, con l’incontro in Biblioteca Civica (ore 16, Saletta Conferenze) dedicato a “Don Pasquale” di Donizetti, grazie alla versione in dvd, presente nell’archivio multimediale. Ad introdurre la visione sarà Roberto Cozzarin.
Alle 17, il laboratorio per ragazzi con partenza al Museo d’arte condurrà “Sulle tracce delle opere di Giovanni Antonio De Sacchis detto il Pordenone”.
Alle 21.15 nel Parco di San Valentino prende il via Fresco Teatro a cura di EtaBeta Teatro per l’Estate in Città con lo spettacolo “Riccardo l’infermo” (liberamente tratto da "Riccardo III" di Shakespeare) con Roberto Abbiati. Una rivisitazione in chiave comica del clown milanese che con rispetto e libertà reinventa e racconta le gesta dei più crudele eroe shakesperariano: Riccardo di Gloucester che, nella sua versione, diventa colui di cui “è impossibile costruire un discorso sensato, è “piscinin, brut e catiff”: affascina perché è disastroso e sozzo di sangue, eppure gioca come un bambino. O forse i bambini giocano come lui.” Saltando dall’inglese al dialetto delle campagne lombarde, lo spettacolo mischia brandelli shakesperiani alla storia quotidiana di un attore/clown, in un lungo sogno, un po’ buffo e un po’ malinconico, destinato a coinvolgere il pubblico più di ogni ragionevole immaginazione. Uno spettacolo che farà sorridere e pensare. Ingresso libero, in caso di maltempo si va all’Auditorium Concordia.
La creatività giovanile in ambito audio-visivo è al centro dell’ottava edizione di FilmMakers al Chiostro, il Festival internazionale per giovani registi e video-animatori emergenti organizzato dalla Mediateca di Cinemazero nell’ambito dell’Estate in Città del Comune di Pordenone e con la preziosa partnership, non solo economica, ma anche organizzativa e culturale, di Banca FriulAdria - Crédit Agricole. Il Festival consolida i successi delle precedenti edizioni con un nuovo, ricco programma di proiezioni a ingresso libero che animerà le serate a Pordenone all’Ex Convento San Francesco tutti i martedì di luglio e agosto. Protagonisti del Festival saranno le opere audio-visive frutto della fantasia dei giovani aspiranti filmakers (oltre 300 le opere visionate dagli organizzatori del Festival, arrivate da tutta Italia, ma anche da paesi europei come Spagna e Inghilterra) divise nelle sezioni in concorso (cortometraggi, cortometraggi horror, video-animazioni e CinemaZeroBudget), ma soprattutto gli autori, ospiti delle diverse serate per incontrare direttamente il pubblico. A fare da “padrini” ai giovani filmakers quest’anno ci saranno anche artisti affermati in ambito cinematografico e visivo. Ad aprire la serata inaugurale del 12 luglio (21.30 nel Chiostro di San Francesco) sarà, in anteprima assoluta “27:51”, originalissima video-installazione ispirata ad un’opera del pittore Giovanni Antonio De Sacchis detto il Pordenone firmata da Dalila Rovazzani e Giovanni Munari, vincitori del Premio Qualità banca Popolare FriulAdria nella passata edizione del Festival. A fare da corollario le altre due animazioni vincitrici del premio gli anni passati: “Amor cortese” di Stefano e Alice Tambellini e “Cenacolo” di Virginia Mori. Seguiranno “Ombra” videoanimazione di Loredana Erbetta, Manuela Gualtieri, Irene Piccinato; “Sayonara Nippon” di Adam Selo; “Le storie che invento non le so raccontare” di Francesco Lettieri; “Linea Nigra” di Anna Gigante; “La valigetta” di Sebastiano Melloni; “Curling” di Adriano Valerio; “Porque hay cosas que nunca se olvidan” di Lucas Figueroa. Ingresso libero

11 luglio 2011

I FOTOGRAFI PREMIATI DAL CRAF

Martedì 12 luglio a Pordenone (Sala stampa della Provincia, ore 12) si svolgerà la conferenza stampa di presentazione di Spilimbergo Fotografia, che sarà inaugurata il 23 luglio a Spilimbergo, nel Palazzo Tadea, alle 19. Interverranno: Renzo Francesconi, Presidente del CRAF (Centro di ricerca e archiviazione della fotografia); Alessandro Ciriani, Presidente della Provincia di Pordenone; Giuseppe Bressa, Assessore alla cultura della Provincia di Pordenone; Elio De Anna, Assessore regionale alla cultura; Rosella Simon, Imprenditrice della sezione terziario avanzato Unione Industriali Pordenone; Walter Liva, coordinatore CRAF.
Nel corso della conferenza, saranno annunciati i nomi dei premiati per le categorie International Award of Photography, Premio FVG Fotografia, Amici del CRAF.
II premio International Award of Photography (XVI edizione), patrocinato da Unione Industriali, sarà conferito a Frank Horvat per la sua nota capacità di ritrarre e descrivere il mondo della moda, a livello internazionale, tanto da impreziosire con le sue immagini alcune tra le più belle pagine di Elle, Vogue, Harper’s Bazaar. Nel 1955, Edward Steichen selezionò alcune sue fotografie per la leggendaria mostra The Family of Man.
La sua instancabile ricerca professionale lo ha portato inoltre ad esplorare nuove realtà, riproducendo minuziosamente il quotidiano e confrontandosi con opere pittoriche del passato, come ad esempio nella serie Very Similar degli anni ’80. Il suo istinto di fotografo raffinato e la sua grande sensibilità per l’individuo lo hanno poi condotto, in concomitanza con il sopraggiungere del digitale, a produrre una nuova fotografia, immediata, che per Horvat significa ricerca delle emozioni di un istante.
Il premio FVG Fotografia (XXV edizione), patrocinato dalla Banca di Cividale, sarà conferito a Romano Folicaldi e, per un autore regionale, a Maurizio Frullani.
Il premio Amici del CRAF(IX edizione) sarà conferito a Roberto Mazzoli.

RIGOLETTO IN PIAZZA A PORDENONE

Sarà alle 21,15 il Rigoletto in piazza l’appuntamento clou di lunedì 11 luglio dell’Estate in Città del Comune di Pordenone, che completa il programma con laboratori visite guidate e teatro ragazzi Il progetto dell’Associazione Filarmonia, premiato dal Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica, ha come obiettivo la valorizzazione e la diffusione del repertorio lirico di qualità, in prospettiva di una rinnovata idea di Euroregione come luogo di comune incontro artistico tra popoli e culture. L’idea, promossa dal maestro Alfredo Barchi, di fare delle piazze friulane dei veri e propri palcoscenici en plein air, raggiunge lo scopo di avvicinare il grande pubblico e soprattutto i più giovani alla musica colta, anche attraverso un prezzo di ingresso decisamente inferiore agli standard attuali delle manifestazioni liriche. L’opera scelta per quest’anno è da sempre una delle opere più amate e popolari di Giuseppe Verdi e prevede i coinvolgimento di 52 professori d’orchestra, 13 cantanti, 30 coristi, 8 ballerini e uno staff organizzativo e tecnico di 30 persone, per un totale di circa 140 persone.
Le scenografie sono affidate ai giovani allievi dell’Istituto d’Arte G.Sello di Udine. Una nota di merito se la conquistano anche i costumi a cura dell’atelier udinese “Sartilegio” di Cristina Moret, che vanta collaborazioni con Nicolao Atelier di Venezia, Teatro Due di Parma, Fondazione Arena di Verona, Teatro Comunale di Modena e altri enti prestigiosi.
Se gli interpreti – ad eccezione della sacilese Valentina Volpe, allieva del maestro Beniamino Prior, impegnata nel ruolo di Giovanna – non sono autoctoni (Vasile Chisiu, Rigoletto, Ivan Magrì, Il Duca di Mantova, Linda Kazani, Gilda, Abramo Rosalen, Sparafucile, Silvia Pasini, Maddalena, Claudio Mattioli, il Conte di Monterone, Florin Simionca, Marullo, Lee Do Geol, Matteo Borsa, Giovanni Spiazzi, Il Conte di Ceprano), tutto friulano è il coro della Società Filarmonia, gruppo stabile curato dal maestro Giuliano Fabbro, mentre la parte coerutica è affidata al FVG Ballet Company su coreografie di Nicoletta Iosifescu. La regia è di Giampaolo Zennaro. Il biglietto costa 20 euro e lo si può acquistare in prevendita nella casetta di piazza XX Settembre domenica dalle 17.30 alle 20, lunedì dalle 11 alle 13 e dalle 17.30 fino a inizio spettacolo.

9 luglio 2011

A PLAINO IL ROMBO DEI CINQUANTINI

Al debutto, nel 2005, l'idea di una reunion di “stesini” o “slunghini” - come venivano comunemente chiamati nella Terra del Mutor, a causa della loro posizione di guida – è nata quasi per burla, ed erano circa una quindicina i mezzi e i personaggi che hanno dato inizio a questa colorata giostra, arrivata lo scorso anno al numero di 170 iscritti. Quest'anno, per la 7° edizione, la cifra si è ripetuta. La novità è che i cinquantini presenti già al sabato pomeriggio erano ben 86, mentre nelle precedenti edizioni non si era mai superata la soglia dei 50 mezzi durante il primo giorno.
Moltissimi gli appassionati che sono intervenuti da tutto il nord Italia. Come sempre non è mancata la presenza di ospiti stranieri, davanti a tutti gli olandesi: ben otto, giunti in camper con dieci motorini al seguito. L'ospite più lontano anche quest'anno arrivava dalla Svezia, ma c'erano anche belgi, tedeschi e austriaci, tutti accomunati dalla stessa passione e tutti entusiasti della festa e dell'atmosfera che vi si respirava.
La reunion, denominata “A Plain Cul Cinquantin” è dedicata esclusivamente ai motorini sportivi, cross e granturismo degli anni '60 e '70, e come ogni anno l'ingresso era riservato solo a loro. La regola è ormai condivisa, per cui non ci sono scooter, tuboni o motorini a pedali e i presenti sono entusiasti di ritrovarsi solo con persone accomunate dalla stessa passione e con un parco mezzi impensabile prima che questa kermesse prendesse piede.
Molti i mezzi conservati o restaurati in modo impeccabile e molti anche i motorini “truccati” con accessori e trasformazioni dell'epoca.
Allegre chiacchiere, odore di miscela ricinata con Castrol 740, rumore infernale di marmitte a spillo e oggetti del desiderio di una gioventù ormai lontana sono stati il sottofondo di questa due giorni. Italjet Mustang, Malanca Testarossa, Guazzoni Matta, ma anche i vari Tecnomoto, Testi o Aspes sono stati i protagonisti indiscussi, supportati anche da un discreto manipolo di motorini da fuoristrada. Il loro fascino ha oltrepassato le barriere generazionali, conquistando anche molte giovani leve nate oltre vent'anni dopo il loro avvento, ed è stato piacevole scoprire che pure molte ragazze non ne sono immuni.
Come ogni anno il programma ha previsto delle gite nel Friuli collinare sia al sabato che alla domenica con aperitivi e pranzi a buffet, musica e premiazioni amichevoli. Come valore aggiunto, quest'anno il raduno è stata l'occasione per presentare ufficialmente il libro “Febbre a 50”, una volume di trecento pagine, molto esaustivo su questi piccoli bolidi e sui loro cugini da fuoristrada, realizzata da due dei soci fondatori del Clan che sono stati molto contenti di parlare del loro libro e di rispondere alle domande dei curiosi. Maggiori informazioni sul sito www.piccolibastardi.it

LE CANZONI DI DE ANDRE'

Prosegue a partire dalle 9.30 di domenica in Biblioteca, nell'ambito degli appuntamenti Estate in città a Pordenone, l’Olimpiade scacchistica delle 5 città che vede sfidarsi 5 squadre di 10 giocatori provenienti da Balatonalmadi (Ungheria), Celje – Šentjur (Slovenia), Wolfsberg (Austria), Zagabria (Croazia) e naturalmente da Pordenone, padrona di casa.
Alle 11 nel Convento di San Francesco il Concerti aperitivo realizzato in collaborazione con il Conservatorio di Udine si apre con una delle prime importanti pagine del repertorio per pianoforte a 4 mani affidata a Maria Giulia Cignacco e Stefano Cimbaro, la Sonata in fa maggiore che il tardo Mozart ultimò il 1° agosto 1786 nella meditativa solitudine viennese. Segue, per l’interpretazione di Alessandro Marinelli, dotato di particolare carisma interpretativo e recente vincitore del Premio "Maria Grazia Fabris"di Trieste, una pagina per pianoforte di Liszt, “Funérailles”, settimo numero della raccolta Harmonies poétiques et religieuses, composte tra il 1845 e il 1852 e dedicate alla principessa Jeanne Carolyne Sayn-Wittgenstein, conosciuta a Kiev nel 1847 e divenuta compagna del compositore. Sul pianoforte di Marinelli risuoneranno poi le note di un capolavoro unico nella produzione chopiniana, la “Grande polonaise brillante” preceduta da un Andante spianato. Il brano, tra i più amati dai pianisti e dal pubblico, è noto ormai soltanto nella versione completa per pianoforte solo. Chiudono il concerto Marinelli al pianoforte ed Emanuele Bastanzetti al violino con una grande pagina del compositore Camille Saint-Saëns. Il terzo e ultimo concerto per violino e orchestra è datato 1880. L’ingresso è libero.
Alle 17 al Museo archeologico di Torre scatta la Caccia al tesoro tra le collezioni e le esposizioni del Museo e dell’area verde di Torre. Per ragazzi dai 6 ai 13 anni.
Alle 21.15 al Parco di San Valentino torna l’Emfaber Band, gruppo che fa rivivere sul palco l’anima e la voce di Fabrizio De Andrè e che si prepara al grande salto: uno spettacolo in cui musica e teatro diventano un solo linguaggio. Quello che rimane immutato è l’anima sociale del progetto che è legata all’impegno civile di Emergency, cui vanno i fiondi raccolti attraverso i concerti.Ad accompagnare la "band della solidarietà" dunque – nessuno dei musicisti, infatti, percepisce compensi o rimborsi - sarà il Teatro della sabbia con Vincenzo Muriano, Caterina Comingio e l’amico Maurizio Perrotta, già voce della Band. Ospite d’onore della serata anche la batterista Veronika Karancsy. Ingresso libero, in caso di maltempo si va all’auditorium Concordia.