12 luglio 2011

"PISCININ, BRUT E CATIFF"

Martedì 12 luglio l’Estate in Città del Comune di Pordenone si apre all’insegna dell’opera buffa, con l’incontro in Biblioteca Civica (ore 16, Saletta Conferenze) dedicato a “Don Pasquale” di Donizetti, grazie alla versione in dvd, presente nell’archivio multimediale. Ad introdurre la visione sarà Roberto Cozzarin.
Alle 17, il laboratorio per ragazzi con partenza al Museo d’arte condurrà “Sulle tracce delle opere di Giovanni Antonio De Sacchis detto il Pordenone”.
Alle 21.15 nel Parco di San Valentino prende il via Fresco Teatro a cura di EtaBeta Teatro per l’Estate in Città con lo spettacolo “Riccardo l’infermo” (liberamente tratto da "Riccardo III" di Shakespeare) con Roberto Abbiati. Una rivisitazione in chiave comica del clown milanese che con rispetto e libertà reinventa e racconta le gesta dei più crudele eroe shakesperariano: Riccardo di Gloucester che, nella sua versione, diventa colui di cui “è impossibile costruire un discorso sensato, è “piscinin, brut e catiff”: affascina perché è disastroso e sozzo di sangue, eppure gioca come un bambino. O forse i bambini giocano come lui.” Saltando dall’inglese al dialetto delle campagne lombarde, lo spettacolo mischia brandelli shakesperiani alla storia quotidiana di un attore/clown, in un lungo sogno, un po’ buffo e un po’ malinconico, destinato a coinvolgere il pubblico più di ogni ragionevole immaginazione. Uno spettacolo che farà sorridere e pensare. Ingresso libero, in caso di maltempo si va all’Auditorium Concordia.
La creatività giovanile in ambito audio-visivo è al centro dell’ottava edizione di FilmMakers al Chiostro, il Festival internazionale per giovani registi e video-animatori emergenti organizzato dalla Mediateca di Cinemazero nell’ambito dell’Estate in Città del Comune di Pordenone e con la preziosa partnership, non solo economica, ma anche organizzativa e culturale, di Banca FriulAdria - Crédit Agricole. Il Festival consolida i successi delle precedenti edizioni con un nuovo, ricco programma di proiezioni a ingresso libero che animerà le serate a Pordenone all’Ex Convento San Francesco tutti i martedì di luglio e agosto. Protagonisti del Festival saranno le opere audio-visive frutto della fantasia dei giovani aspiranti filmakers (oltre 300 le opere visionate dagli organizzatori del Festival, arrivate da tutta Italia, ma anche da paesi europei come Spagna e Inghilterra) divise nelle sezioni in concorso (cortometraggi, cortometraggi horror, video-animazioni e CinemaZeroBudget), ma soprattutto gli autori, ospiti delle diverse serate per incontrare direttamente il pubblico. A fare da “padrini” ai giovani filmakers quest’anno ci saranno anche artisti affermati in ambito cinematografico e visivo. Ad aprire la serata inaugurale del 12 luglio (21.30 nel Chiostro di San Francesco) sarà, in anteprima assoluta “27:51”, originalissima video-installazione ispirata ad un’opera del pittore Giovanni Antonio De Sacchis detto il Pordenone firmata da Dalila Rovazzani e Giovanni Munari, vincitori del Premio Qualità banca Popolare FriulAdria nella passata edizione del Festival. A fare da corollario le altre due animazioni vincitrici del premio gli anni passati: “Amor cortese” di Stefano e Alice Tambellini e “Cenacolo” di Virginia Mori. Seguiranno “Ombra” videoanimazione di Loredana Erbetta, Manuela Gualtieri, Irene Piccinato; “Sayonara Nippon” di Adam Selo; “Le storie che invento non le so raccontare” di Francesco Lettieri; “Linea Nigra” di Anna Gigante; “La valigetta” di Sebastiano Melloni; “Curling” di Adriano Valerio; “Porque hay cosas que nunca se olvidan” di Lucas Figueroa. Ingresso libero

Nessun commento: