16 agosto 2011

GI.R.EM: GIOVANI REGISTI EMERGENTI

Alle 17, il Museo d’arte di Palazzo Ricchieri propone, nell'ambito dei programmi pordenonesi di Estate in città, il laboratorio per tutti “ Sulle Tracce delle opere di Giovanni Antonio de Sacchis detto il Pordenone”: un percorso appassionante alla ricerca dei segreti del pittore friulano rinascimentale più celebre tra tavole sagomate dipinte e segni misteriosi.
Il ciclo di incontri “Quei favolosi Anni Sessanta” della Biblioteca Civica per l’Estate in Città, si conclude martedì 16 agosto alle 18 con un appuntamento dedicato al 1969. Ingresso libero.
Alle 21 nel parco di San Valentino la rassegna Fresco Teatro d’Agosto a cura della Fita per l’Estate in Città presenta lo spettacolo “Né arte né parte” di Beraldin e Ceccon, messo in scena dalla compagnia teatrale Gli Instabili di Cismon del Grappa. Il lavoro prende spunto da alcune riflessioni sull’arte che, nella ricerca di nuove frontiere, si spinge sempre più in là, travalicando spesso il limite dell’assurdo fino ad arrivare al grottesco. Partendo da queste considerazioni gli Instabili si librano sopra il variegato mondo dell’arte spaziando dalla poesia alla musica, dalla pittura alla moda, al teatro in un succedersi incalzante di personaggi e situazioni coinvolgenti per il pubblico che si concludono con un liberatorio ballo finale. Un’ora e mezza di spettacolo con personaggi che disegnano quadretti a tutto tondo tra gag e situazioni divertenti, quasi picaresche. Ingresso libero, in caso di maltempo si va all’Auditorium Concordia.
Dopo la trasferta a Piancavallo della scorsa settimana tra film e stelle cadenti FilmMakers al Chiostro continua nella tradizionale sede del Chiostro di San Francesco a Pordenone martedì 16 agosto alle 21.15. La serata di proiezioni sarà dedicata alle opere dei giovani registi emergenti provenienti da tutta Italia in concorso nella sezione cortometraggi e video-animazioni e si aprirà con “Ball”, di Pietro Brunelli e Andrea Donà, breve animazione dedicata al tema del volontariato. Seguirà la proiezione dei cortometraggi: “Hai in mano il tuo futuro”, del giovane regista romano Enrico Maria Artale, opera ironica e acuta dedicata ad un momento cui tutti ormai siamo abituati: l’esame delle urine..; “Un nuovo corso”, del regista siciliano Leonardo Rodolico, racconta invece di un curioso esame di laurea all’università la cui prova pratica consiste in un omicidio di stampo mafioso.. ; “RMY – Relazione mentale Y” di Diego Gavioli, cortometraggio di stampo poliziesco in cui un giornalista dalla dubbia moralità indaga su una morte misteriosa, forse legata alla presenza di cavie umane; “Italia bella mostrati gentile” di Augusto Fornari, allievo di Gigi Proietti e interprete di film come “Basilicata coast to coast” di Rocco Papaleo e fiction televisive come “Il commissario Manara”, qui nelle vesti di regista con un cortometraggio che mette impietosamente a nudo i mali del nostro paese; “La leggenda del calabrone”, del giovanissimo regista romano Ermete Ricci, già allievo della Scuola Sentieri Selvaggi di Roma e ora studente di cinema in Inghilterra, nel suo cortometraggio racconta la storia di Andrea, un adolescente a cui un tragico incidente cambia completamente la vita; “Io sono qui” di Mario Piredda, realizzato dalla casa di produzione indipendente Elenfant Film, cortometraggio che racconta la storia di Giovanni, che decide di arruolarsi con l’esercito in Kosovo, dove sarà sconfitto da una dura malattia. Infine, la serata diventa internazionale con “Berlin”, cortometraggio del regista spagnolo J. Enrique Sánchez, che indaga sui mille risvolti dei rapporti di coppia.

Nessun commento: