8 agosto 2011

IMMORTALI ATTRAVERSO LA SPECIE

Gli amori e le guerre, la successione delle generazioni, le vite dei padri. Ferdinando Camon, tra i maggiori narratori italiani contemporanei, è in libreria con il suo nuovo romanzo, “La mia stirpe”, da poco uscito per i tipi di Garzanti. E sarà Una Montagna di Libri, la rassegna di incontri con l’Autore di Cortina d’Ampezzo, ad accoglierne la presentazione nella Regina delle Dolomiti, martedì 9 agosto 2011. Come sempre alla Sala Cultura del Palazzo delle Poste.
Ferdinando Camon, autore di grandi romanzi che negli ultimi trent’anni hanno raccontato la morte della civiltà, il terrorismo, la psicoanalisi e lo scontro di civiltà, da contadina, ha scritto, tra gli altri, libri ormai classici come “Un altare per la madre” (Premio Strega 1978), “La malattia chiamata uomo”, “La Terra è di tutti”. È tradotto in 22 paesi.
Il Libro. “La mia stirpe” è il racconto dell'immortalità attraverso la specie: il protagonista sente che, quando non ci sarà più, la nipotina che ora tiene in braccio lo farà rinascere, ma sente anche di essere stato presente, prima di nascere, nell'amore tra il ragazzo e la ragazza che saranno i suoi genitori.
È l'amore del primo Novecento, quando la ragazza temeva di restare incinta per il bacio di un uomo. Ereditando le vite dei padri, il figlio eredita il dovere di realizzarne le missioni incompiute: vendicarsi per quel che han patito nella prima e nella seconda guerra e arrivare a un contatto con la più alta istituzione della Terra, custode della verità in cui credono. È la loro «gita al faro», l'impresa che dà un senso all'esistenza.
Appuntamento quindi martedì alle ore 18.00, come sempre nella Sala Cultura del Palazzo delle Poste di Cortina d’Ampezzo. A un passo da Corso Italia. Ingresso libero.

Nessun commento: