10 agosto 2011

IN SCENA L'UNITA' D'ITALIA

L’Estate in Città del Comune di Pordenone di mercoledì 10 agosto comincia con le letture per ragazzi alle 17 nel Parco di San Valentino. Roberto Pagura leggerà “Topolini sempre in festa”, racconto di John Yeoman. Si narra di un mugnaio alle prese con i topi e di un gatto svogliato. In caso di maltempo si va nella vicina ex cartiera.
La Stagione diffusa dell'Orchestra e Coro San Marco continua nel segno dei 150 anni dell'Unità nazionale con il secondo dei Concerti al Chiostro proposti all'interno dell'Estate in Città pordenonese. Il concerto di mercoledì 10 agosto (ore 21, Chiostro di San Francesco) sarà infatti nel segno della “Musica che ha unito l'Italia”, grazie agli ottoni dell'Harmonie Brass Ensemble diretti da Diego Cal. Questa piccola orchestra riunisce in una formazione molto versatile un selezionatissimo gruppo di musicisti, spesso impegnati sotto le migliori bacchette del Triveneto, che qui condividono per puro divertissement i generi più diversi, dal repertorio classico a quello più leggero, dalle pagine liriche al musical allo swing, ottenendo da anni una vasta eco nel panorama concertistico nazionale.
Alle 21 in piazzetta Calderari per visioni sonore c’è il cineconcerto “Exp and Tricks”, protagonista speciale, il musicista Gianluca Petrella, considerato fra i più dotati trombonisti jazz a livello mondiale, che improvvisa dando voce ad alcuni cortometraggi dei primi anni del cinema, mischiando jazz ed elettronica. “Exp and Tricks” nasce in collaborazione con la Cineteca Nazionale di Bologna e Ater Modena come perfomance originalissima in cui Petrella elabora fondali elettronici, in cui la dimensione percussiva o rumoristica funge da base per le sue improvvisazioni al trombone.
Proseguono gli appuntamenti della rassegna estiva “Teatri fuori dai teatri” della Compagnia di Arti e Mestieri che Mercoledì 10 agosto alle ore 21.15 presenterà al Castello di Torre di Pordenone lo spettacolo “Peperepé la patria e la fe’” con Sandro Buzzatti (voce recitante) e Francesca Gallo (fisarmonica e voce), che ripercorre i nostri 150 anni di storia attraverso poesia, musica e canti tradizionali. Un affresco vivo e provocante sui nodi irrisolti, le contraddizioni, degenerate e le speranze spesso deluse vissute in Veneto. I testi di Luciano Cainato (poeta, letterato, storico, critico e giornalista) Dino Coltro (poeta e scrittore che ha dedicato gran parte della sua vita allo studio delle antiche tradizioni popolari venete, pubblicando una trentina di libri e il famosissimo "Lunario Veneto"), Romano Pascutto (scrittore, poeta, commediografo e giornalista) e Pier Paolo Pasolini, evocano il viaggio di una nazione dagli anni dell’unità politica a quelli della contemporaneità. Ingresso libero, in caso di maltempo lo spettacolo si terrà ai PnBox Studios.

Nessun commento: