3 agosto 2011

LA MAGIA DELLE PERCUSSIONI

Come ogni giovedì non può mancare nell’Estate in Città a Pordenone il ballo con musica dal vivo alle 15.30, nel parco Pia Baschiera Tallon che ospita il centro sociale. Alle 17.30 comincia nel Parco del Castello di Torre il laboratorio per ragazzi e famiglie “la natura si fa arte” dedicato ad Humus Park, il meeting di land art naturalistica, di cui è in corso l’esposizione fotografica nelle sale del Castello e cui l’agenzia stampa Adnkronos ha dedicato un bellissimo articolo in questi giorni. I partecipanti potranno toccare con mano e sperimentare le tecniche che permettono di utilizzare elementi naturali come rami, foglie, sassi, terra per realizzare delle opere d’arte, così come hanno fatto gli artisti provenienti da tutto il mondo in occasione del meeting svoltosi l’anno scorso. Ad Humus Park è dedicato un ciclo di 4 incontri (i successivi saranno sempre al giovedì alle 17.30 l’11, il 18 e il 25 agosto) a cura di Eupolis. La partecipazione è gratuita.
Alle 20.45 a Palazzo Ricchieri, parte la visita guidata alle raccolte d’arte del Museo e alle sale affrescate del Palazzo che lo ospita, che ha davvero tantissime storie da raccontare. Alle 21 al Museo di Storia Naturale, c’è la possibilità di approfondire gli argomenti della mostra in corso “Natura in città”, grazie ad un percorso assistito a cura di Eupolis.
Alle 21 la rassegna Far …jazz a cura di Farandola, con la direzione artistica di Roberto Buttignol comincia con un concerto brillante, emozionante e coinvolgente, Ri-percussioni, realizzato da quattro dei migliori percussionisti/batteristi locali: Luca Grizzo, Roberto Buttignol, Luca Colussi e Roberto “Drumo” Vignandel. Il progetto, che ha avuto il proprio battesimo lo scorso anno proprio in occasione dell’Estate in Città e torna a grandissima richiesta rivisita il "tamburo" come strumento primordiale di espressione, evocando immagini e suoni che hanno accompagnato l'uomo nella sua ricerca interiore e comunicativa. Ed è proprio nella forza evocativa e poetica che sta il segreto di Ri-percussioni, che non disdegna il gioco e il divertimento. Oltre ad esser quattro musicisti sono quattro amici che intrecciano le loro esperienze ritmico-emotive-sensoriali.
Gli stereotipi ce li fanno immaginare chiusi in una cantina a provare fino ad intuire che l’insieme “funziona”, che il sound “muove”, che c’è sintonia. Il canto dei tamburi, il suono degli oggetti che quotidianamente ci circondano, gli echi dei ritmi e degli strumenti appartenenti ad altre culture: tutto si fonde e genera un linguaggio originale e personale.
Roberto Buttignol nasce a Pordenone nel dicembre del 1956. Ama la musica sin dall'infanzia e il suo strumento preferito è la batteria. A 14 anni suona il rock nei locali del pordenonese. Nel corso degli anni ha esperienze in molteplici generi musicali (apre i concerti di: AREA, Tullio D'Episcopo, Ares Tavolazzi e molti altri). Collabora e partecipa ai tour di Paul Millns e Armando Battiston. Le sue preferenze hanno sempre e comunque un legame con la musica afroamericana.
Negli ultimi 5 anni l'interesse si sposta verso il blues e il jazz, collaborando con musicisti quali: Davide Drusian, Richard Ray Farrell, Alan King, Gianni Massarutto, Paul Millns, Marco Pandolfi, Gigi Todesca, Gaetano Valli, attraversando le scene italiane ed europee.
All'attivo ha diverse incisioni in cd che hanno riscosso notevole successo in Italia e all'estero, Significativa l'esperienza USA del 1999 durante la quale ha suonato con Michael Goodrow, Alfred Johnson, David Kalish, Kirk Smart.
Attualmente svolge un intensa attività concertistica. Insegna la batteria in prestigiosi istituti musicali del pordenonese ed è consulente in alcune associazioni filarmoniche. Ingresso libero.

Nessun commento: