2 agosto 2011

TRASFORMISMO: VIZIO O SISTEMA?

Dall’Unità ad oggi, la storia d’Italia sembra segnata irreversibilmente da cambi di casacca, maggioranze fragili, “ribaltoni” e passaggi di schieramento. Da Depretis a… Scilipoti. Ma il trasformismo è un vizio nazionale? O piuttosto un sistema di governo?
Il prossimo giovedì 4 agosto 2011 Una Montagna di Libri, la rassegna di incontri con l’Autore di Cortina d’Ampezzo, accoglie al Palazzo delle Poste la lezione di uno dei più autorevoli storici italiani contemporanei. Giovanni Sabbatucci, docente all’Università La Sapienza, autore con Vittorio Vidotto della celebre “Storia d’Italia” in sei volumi, aiuterà il pubblico cortinese a capire la natura di una pratica politica che ha bloccato ogni vera possibilità di alternanza nel nostro Paese. Prendendo le mosse da “Il trasformismo come sistema”, il saggio pubblicato da Sabbatucci per i tipi di Laterza.
Il trasformismo è il sistema su cui si è fondata la politica italiana per oltre un secolo. Lo abbiamo superato davvero? “Perché”, si chiede Giovanni Sabbatucci, “nel nostro Paese non si era mai dato il caso di un governo e di una maggioranza sostituiti da un altro governo e da un’altra maggioranza in seguito a un verdetto elettorale? Perché non aveva mai nemmeno cominciato a funzionare un regime basato su una fisiologica alternanza al potere?”
Mettendo in guardia contro i rischi di una “controriforma” proporzionale del sistema elettorale, Sabbatucci lancia uno sguardo sugli ultimi quindici anni di storia italiana, quelli della cosiddetta Seconda Repubblica. Anni controversi e difficili, è vero, ma che hanno visto nascere anche nel nostro paese, bene o male, il meccanismo dell’alternanza: il lascito più importante e positivo della cosiddetta “rivoluzione italiana” del 1994.
Appuntamento quindi giovedì alle ore 18.00, come sempre nella Sala Cultura del Palazzo delle Poste di Cortina d’Ampezzo. A un passo da Corso Italia. Introduce l’incontro Francesco Chiamulera, responsabile Una Montagna di Libri. Ingresso libero.

Nessun commento: